Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Droga e non solo: serie di operazioni dei carabinieri nel territorio bresciano

domenica, 16 settembre 2018

Montisola – Nella tarda serata di ieri i militari della Compagnia di Chiari impiegando una quindicina di militari e la Motovedetta in servizio sul lago di Iseo, con l’ausilio dell’unità cinofila del Nucleo di Orio al Serio, hanno organizzato un servizio coordinato nel comune di Montisola finalizzato a contrastare lo spaccio di stupefacenti e l’abuso di sostanze alcoliche nei luoghi di aggregazione giovanile. motovedetta carabinieri iseoNel complesso un giovane del posto 22enne è stato denunciato per detenzione dai fini di spaccio di una decina di grammi di hashish, sequestrati mentre un altro italiano 29enne è stato segnalato per uso di stupefacenti alla locale Prefettura essendo stato trovato in possesso di 2 grammi di analoga sostanza. Unitamente a militari del NAS sono stati inoltre controllati alcuni esercizi pubblici ed elevate sanzioni per circa 3000 euro.

DROGA: OPERAIO ARRESTATO

I Carabinieri di Quinzano d’Oglio hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina un quinzanese del 77, operaio, incensurato. L’uomo, per arrotondare lo stipendio, ha pensato bene di darsi all’attività di spaccio di sostanze stupefacenti all’interno della propria abitazione senza calcolare che l’insolito via vai di persone nell’appartamento avrebbe naturalmente generato sospetti.

Cosi il Comandantete della Stazione Carabinieri di Quinzano d’Oglio ha posto in essere una serie di servizi di osservazione effettuando infine l’irruzione all’interno dell’appartamento e rinvenendo circa 25 grammi di cocaina suddivisa in dosi, tutto il necessario per il taglio ed il confezionamento dello stupefacente e quasi 20mila euro in contanti, verosimile provento della lucrosa attività.

Immediatamente arrestato l’uomo è stato condotto in tribunale a Brescia per la convalida a seguito della quale è stato posto agli arresti domiciliari presso l’abitazione, in attesa del processo rinviato ai primi di dicembre.

QUATTRO DENUNCE

I carabinieri della stazione di Concesio hanno denunciato quattro persone per ricettazione in concorso e possesso ingiustificato di arnesi idonei allo scasso. Lo scorso fine settimana i militari hanno controllato un furgone presso il parcheggio del centro commerciale Auchan di Concesio, rinvenendo all’interno un’ottantina di accumulatori per apparati fotovoltaici nonché molti arnesi idonei allo scasso, come cacciaviti, mazze e scalpelli.

L’autista non ha saputo dare una spiegazione plausibile sulla provenienza della merce, mentre gli altri tre occupanti hanno tentato, inutilmente, di dileguarsi per far perdere le proprie tracce. I tre infatti sono stati bloccati nel parcheggio del McDonald’s di Concesio subito dopo. Tutti e quattro, cittadini italiani sono stati identificati e deferiti in stato di liberta alla Procura della repubblica di Brescia per violazione artt. 110 – 648 e 707 del Codice Penale.

SPACCIO: ALBANESE ARRESTATO

I Carabinieri della Stazione di Vobarno e di Toscolano Maderno, lo scorso fine settimana hanno arrestato un 35enne di origine albanese per spaccio di sostanze stupefacenti. I militari della Stazione di Vobarno, impegnati in un servizio antidroga, hanno notato due giovani che si aggiravano in modo sospetto, come se stessero aspettando qualcuno, nella zona di Toscolano Maderno.

In effetti dopo qualche minuto di osservazione si è avvicinato ai due un uomo che, con una rapida mossa, ha ceduto una bustina che in seguito si è accertato contenere circa 5 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina.

Per lo straniero sono scattati gli arresti in quanto ritenuto responsabile del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.

A riprova dell’attività illecita sono stati sequestrati 600 euro che si ritiene siano il provento dello spaccio nonché un bilancino di precisione utilizzato per pesare la sostanza e vario materiale per il confezionamento.

L’arrestato è stato giudicato con rito direttissimo nella mattinata di e, dopo la convalida, è stato sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria in attesa del processo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136