Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Doppio femminicidio, poi si toglie la vita a Trento. Indagini e ricostruzione della tragedia

mercoledì, 12 agosto 2015

Trento – Doppio femminicidio poi si toglie la vita. E’ quanto accaduto nel centro di Trento: un uomo avrebbe ucciso la propria compagna e la figlia della donna per togliersi poi la vita.Polizia di Sondrio

Secondo le prime ricostruzioni – sul posto ci sono carabinieri e polizia – l’uomo – Claudio Rampanelli, 63 anni, di origini campane ma residente in città, lavorava in una cooperativa sociale – ha ucciso a coltellate la compagna Laura Simonetti, 53 anni, e sua figlia Paola Ferrarese, 27 anni, poi si sarebbe ucciso.

Mentre si trovava in cima, all’arrivo delle forze dell’ordine si è gettato. La tragedia, avvenuta poco prima delle 15, ha scosso la comunità della centralissima via Marchetti e l’intera città di Trento. Secondo il pm Profiti l’uomo ha spiegato in un biglietto che ha fatto tutto questo per motivi di gelosia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136