QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Doppia operazione dei carabinieri nel Bresciano: a Iseo arrestato 50enne per tentato furto

martedì, 20 giugno 2017

Iseo – A Iseo, località Pilzone, i Carabinieri della Stazione hanno tratto in arresto un 50enne di Sarnico, disoccupato, pregiudicato e senza fissa dimora, perché ritenuto responsabile di tentato furto in abitazione.

Su segnalazione telefonica di un residente in zona, i militari operanti sono intervenuti località Pilzone via Papa Giovanni XXIII, dove un soggetto era stato visto introdursi all’interno di una villa in quel momento incustodita perché i proprietari erano andati alle celebrazioni dell’evento organizzato sul lago per ricordare “Floating Piers”. Giunti sul posto, i militari hanno sorpreso e bloccato il prevenuto ancora all’interno della villa. Effettuando un immediato sopralluogo, i Carabinieri hanno rinvenuto nei pressi della porta d’ingresso due grossi cacciaviti ed un paio di guanti da lavoro, precedentemente abbandonati dall’arrestato e utilizzati nel tentativo di forzare l’accesso dell’abitazione.

L’arresto è stato convalidato ieri pomeriggio, con contestuale determinazione della misura cautelare della firma presso la caserma di Capriolo, tre volte a settimana, accolta la richiesta dell’avvocato per avere i termini a difesa.

DROGA A GHEDI: ARRESTATO MAROCCHINO

I Carabinieri di Ghedi hanno arrestato un cittadino marocchino 29enne abitante in paese perché ritenuto responsabile di detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

I militari operanti da tempo tenevano d’occhio il marocchino perché sospettato di essere uno spacciatore per i consumo di cocaina in paese e a Montirone.

Dopo alcuni servizi di osservazione e pedinamento i Carabinieri sono entrati in azione e nella perquisizione domiciliare del predetto hanno rinvenuto ben 51 grammi di cocaina, di cui 3 grammi già confezionati e suddivisi in dosi,

Condotto il reo davanti al Tribunale di Brescia per il processo per direttissima, dopo la convalida del provvedimento, in virtù dello stato di incensuratezza del prevenuto, a quest’ultimo sono stati applicati gli arresti domiciliari.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136