QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Desenzano del Garda: turisti specializzati in furti nei centri commerciali smascherati dai carabinieri

mercoledì, 25 maggio 2016

Desenzano del Garda – Gruppo di turisti del furto termina il tour criminale sul Garda, grazie all’intervento dei carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Desenzano del Garda.

Foto comunicato Stampa Desenzano 2

L’azione di prevenzione e contrasto condotta ed in virtù degli approfondimenti investigativi svolti dall’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Desenzano del Garda è emersa una nuova tendenza, subito monitorata ed arginata, nella consumazione dei furti: piccoli gruppi di stranieri incensurati arrivano in Italia, provenienti dall’Est Europa, esclusivamente per commettere furti in negozi e centri commerciali. Arrivano in aereo oppure attraverso i valichi di frontiera, noleggiano un’auto e, muniti di navigatore satellitare, “visitano” centri commerciali del Nord Italia, arrivando a percorrere anche 2.000 chilometri in meno di tre giorni, trascorsi i quali rimpatriano con la refurtiva.

Due i casi accertati e già risolti. Nel primo due giovani romene, utilizzando una borsetta schermata per eludere il sistema antitaccheggio, hanno derubato ben sette negozi d’abbigliamento, tutti siti all’interno di centri commerciali del Basso Garda, fino a riempire il baule dell’autovettura presa a noleggio; la refurtiva, dal valore di quasi 3.000 euro, è stata recuperata e restituita ai legittimi proprietari. Le due donne sono state arrestate e condannate a 10 mesi di reclusione, senza che fosse loro concesso il beneficio della sospensione condizionale della pena.

Nel secondo caso quattro lituani hanno “raccolto” da diversi Apple Store, tra Milano e Venezia, una svariata serie di “souvenir”, riempiendo due grosse valige da viaggio. Oltre 60 i prodotti asportati da questi “turisti” sui generis, tra i quali materiale informatico di ultima generazione, auricolari e cuffie audio di marche prestigiose e perfino un drone; il valore della merce sfiora i 20.000 Euro.

Peccato che al check-in dell’aeroporto di Orio al Serio hanno trovato ad attenderli i carabinieri della Radiomobile di Desenzano del Garda, che li hanno fermati proprio mentre si apprestavano a tornarsene a casa a pieno carico. L’operazione ha permesso di recuperare interamente la refurtiva, mentre i quattro “vacanzieri” sono stati identificati e denunciati all’Autorità Giudiziaria. Fondamentale è stata la collaborazione e l’intesa con i carabinieri del Comando Provinciale di Bergamo e con il personale della Polizia Aeroportuale – Polaria – di Orio al Serio. Parte della refurtiva elettronica deve ancora trovare il proprietario.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136