QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Darfo Boario Terme: salvarono una bimba di 11 mesi, riconoscimento ai carabinieri-eroi Troncatti e Delaidelli

martedì, 7 giugno 2016

Darfo  Boario Terme – Hanno ricevuto un riconoscimento per aver salvato una bimba di 11 mesi a Darfo Boario Terme la notte del 10 ottobre 2015. Gli eroi sono Ivano Delaidelli e Metello Trocatti, che la notte del 9 ottobre scorso sono intervenuti allo svincolo della statale 42 del Tonale a Darfo Bario Terme (Brescia) per aiutare la piccola, con madre di origine bosniaca e residente ad Artogne (Brescia) . Sull’auto c’erano anche il padre e la sorella.

I militari del NOR e dell’aliquota radiomobile della Compagnia dei carabinieri di Breno sono intervenuti e a sirene spiegate hanno accompagnato la bimba all’ospedale di Esine, dove c’era un’equipe di medici pronta ad accoglierla.

L’attività congiunta tra la pattuglia dei carabinieri dell NOR e dell’aliquota radiomobile e la centrale operativa dei carabinieri della Compagnia di Breno ha permesso anche il coordinamento con i medici dell’ospedale di Esine e così la piccola ha trovato un’equipe di specialisti ad accoglierla che l’hanno salvato.

I genitori hanno subito ringraziato l’Arma dei carabinieri e l’aliquota Radiomobile di Breno, mentre recentemente i militari hanno ricevuto il riconoscimento ufficiale a Somma Lombardo (Varese) da parte dal Pasfa (Associazione per Assistenza Spirituale alle Forze armate) e la Fondazione Visconti di San Vito Onlus nel contesto della manifestazione “Un Castello dove l’Arma è Regina”.

Sono stati consegnati i riconoscimenti ai due Appuntati scelti, Delaidelli e Troncatti da parte del Generale Marco Scursatone, del Comando Interregionale “Pastrengo”, della presidente del PASFA, Marinella Boverio Navarrini, e del presidente della Fondazione di San Vito onlus, Gaetano Galeone.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136