Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Darfo Boario, il Wwf ha trovato morto un “Ibis eremita” ad Angone

lunedì, 7 novembre 2016

Darfo Boario – La guardie venatorie del Wwf di Brescia hanno trovato ucciso un rarissimo esemplare di Ibis eremita. L’esemplare è stato avvisatato nella zona di Angone, frazione di Darfo Boario Terme (Brescia) ed era parte integrante del progetto di reintroduzione della specie. Secondo le guardie venatorie è stato colpito da alcuni colpi di fucile e ucciso da almeno 80 pallini.

ibis-eremita-angone

Il coordinamento lombardo delle guardie del Wwf è stato allertato dalla carenza di segnale del Gps di cui sono dotati gli «Ibis eremita» segnalava l’esemplare, soprannominato Enno, fermo da 24 ore nella stessa posizione e questo aveva subito fatto scattare l’allarme. Negli ultimi tempi erano stati predisposti servizi di vigilanza in collaborazione con il Corpo Forestale – Nucleo Antibracconaggio.

Seguendo il segnale è stato ritrovato il corpo dell’Ibis: una specie che si era estinta in tutta Europa nel XVII secolo e solo in Marocco vi si contano 500 esemplari. Le indagini per cerca di scoprire l’autore o gli autori di questo episodio proseguono e la prima valutazione parte da quei pallini di fucile utilizzato da bracconieri.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136