QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Controllo del territorio da parte dei carabinieri di Verolanuova: tre arresti

giovedì, 3 marzo 2016

Verolanuova – Controllo straordinario del territorio della bassa bresciana organizzato dai Carabinieri della Compagnia di Verolanuova: sono tre le persone arrestate.carabinieri

Ad Azzano Mella è stato rintracciato e associato presso il carcere di Brescia un 50enne originario della provincia di Bergamo destinatario di un provvedimento restrittivo alla pena di tre anni di reclusione emesso dall’Autorità Giudiziaria per i reati di truffa e ricettazione commessi qualche anno addietro a Palazzolo sull’Oglio (Brescia).

Altra operazione di servizio è stata compiuta a Ghedi ove è stato rintracciato un cittadino romeno 30enne che dovrà scontare presso il carcere di Brescia, ove è stato poi associato, una pena di oltre 5 anni di reclusione per rapina e altro commessa tempo addietro a San Zeno Naviglio.

L’ultima operazione è stata concretizzata a Borgo San Giacomo ove i Carabinieri hanno tratto in arresto un italiano 41enne colà residente perché deteneva presso la propria abitazione oltre 250 grammi di marijuana, vario materiale per il confezionamento nonché una serra perfettamente funzionante per la coltivazione della marijuana; l’attività era iniziata allorquando una pattuglia di carabinieri, poco prima, nella frazione Motella di quel paese, avevano trovato due giovani minorenni in possesso di uno spinello di marijuana e dalla conseguente perquisizione domiciliare il padre di uno dei due ragazzi veniva trovato in possesso della suddetta sostanza stupefacente che risultava custodita nel garage dell’appartamento, ove anche si è scoperta la presenza di un armadio in tessuto con chiusura lampo al cui interno era stata approntata una serra perfettamente funzionante e palesemente volta alla coltivazione di marijuana mediante una lampada alogena con temporizzatore, una stufa elettrica e un deumidificatore entrambi con temporizzatore. All’interessato, giudicato per direttissima dal Tribunale di Brescia, dopo la convalida dell’arresto è stata applicata la misura dell’obbligo di presentazione quotidiana alla competente caserma dei Carabinieri.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136