QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Controlli nei boschi di Levico: sette cacciatori nei guai

martedì, 5 novembre 2013

Levico – Sette cacciatori nei guai. Il divertimento di sparare ad alcuni fagiani liberati in fondovalle – tra Levico e Barco – è stato interrotto perché i sette cacciatori sono finiti nella rete dei guardiacaccia impegnati in un servizio dell’attività venatoria. Gli agenti stavano verificando le distanze di sparo, quando i sette sono stati individuati ad una distanza inferiore al consentito (150 metri da strade e case) e sono stati denunciati per violazione delle legge.

Caccia1

Oltre al provvedimento amministrativo per i sette cacciatori, ci sarà per uno di loro un procedimento penale. Infatti è risultato in possesso di un fucile irregolare. La legge, infatti, stabilisce che un fucile a canna liscia utilizzato in zona Alpi non può avere il doppio colpo.  Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Borgo che, oltre alla denuncia, hanno disposto verifiche su eventuali altri armi custodite dal cacciatore nella sua abitazione. I controlli proseguiranno nei prossimi giorni


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136