Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Controlli e blitz dei carabinieri nel Bresciano: quattro arresti

lunedì, 26 marzo 2018

Lumezzane - Controlli serrati da parte dei Carabinieri della Compagnia di Gardone Val Trompia sul territorio di Lumezzane. Durante la settimana scorsa sono stati effettuati svariati servizi per il controllo della circolazione, la prevenzione dei reati predatori e la repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Più di trenta i militari impiegati, che hanno controllato mezzi e persone, con la collaborazione anche della Polizia Locale. In questo contesto, i militari della Stazione di Lumezzane hanno arrestato un cittadino marocchino di 22 anni, domiciliato a Lumezzane, e residente in Piemonte nella mattinata di sabato 24 marzo, con la collaborazione dell’unità cinofila dei Carabinieri di Orio al Serio. Il ragazzo, disoccupato, è stato trovato in possesso di 1.100 euro in contanti, un’agenda con la contabilità e un bilancino di precisione; durante la perquisizione, con il prezioso aiuto di Grom, il cane dell’unità cinofila, sono state scoperte 14 dosi di cocaina per un peso complessivo di 7 grammi nel vano del contatore dell’energia elettrica dell’appartamento regolarmente preso in affitto. L’arresto è stato convalidato.

Contestualmente i militari dell’Arma hanno anche accertato, all’interno dell’appartamento, la presenza di un cittadino clandestino, che si è dichiarato di nazionalità siriana, già gravato da un provvedimento di espulsione dalla Prefettura di Roma, che è stato munito di ordine del Questore di Brescia per l’allontanamento volontario dal territorio nazionale nei tempi previsti dalla normativa in vigore. Nella stessa giornata i militari hanno dato corso, ad un ordine di carcerazione della Procura della Repubblica di Brescia, destinato ad un cittadino italiano, per una sentenza passata in giudicato.

Ieri notte a Rovato i militari della locale Stazione unitamente a quelli del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Chiari, impegnati in un servizio di perlustrazione del territorio, sono stati inviati dalla centrale operativa presso un bar dove era stato richiesto il loro intervento per due soggetti extracomunitari in evidente stato di alterazione, dovuta all’abuso di bevande alcoliche, che stavano importunando i clienti del locale. Giunti sul posto, i militari hanno trovato i due prevenuti che molto agitati hanno iniziato altresì ad  inveire nei loro confronti. A quel punto, nel tentativo di allontanare dal locale i due soggetti facinorosi, è nata una breve colluttazione durante la quale i due extracomunitari di origine nigeriana hanno tentato di colpire con calci e pugni gli operanti, scagliandosi poi sulle loro auto di servizio.

I carabinieri, con estrema prudenza e grande prontezza di riflessi, sono riusciti ad evitare che alcuno riportasse lesioni, immobilizzando uno dei due mentre l’altro è riuscito a dileguarsi a piedi con la complicità del buio. L’uomo arrestato, 32enne residente a Milano, è stato condotto nelle camere di sicurezza della caserma di Chiari, ove è rimasto fino alla data odierna per essere portato in giudizio a Brescia.

FURTO AGGRAVATO 

Giovedì pomeriggio i Carabinieri della Stazione di Erbusco hanno tratto in arresto una cittadina romena 35enne, residente a Ospitaletto, e contestualmente hanno denunciato in stato di libertà una sua connazionale 38enne, poiché resesi responsabili di furto aggravato.

Alle 17:40 precedenti, all’interno del negozio “OVS” ubicato presso il centro commerciale “Le Porte Franche” la 35enne è stata fermata da personale della sicurezza di quel negozio con otto capi di abbigliamento rubati dai quali era stata rimossa la placca antitaccheggio, del valore complessivo di 250 euro, mentre la complice connazionale è riuscita momentaneamente a guadagnarsi la fuga.

La prevenuta è stata bloccata fino all’arrivo dei militari, che ad esito di immediate ricerche sono riusciti a identificare anche la seconda complice. La refurtiva è stata restituita ai proprietari del negozio mentre la donna è stata arrestata.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136