Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Controlli carabinieri nel Bresciano, a Manerba due giovani fermati per droga

sabato, 10 marzo 2018

Manerba del Garda – I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Salò e della stazione di Manerba del Garda (Brescia) hanno effettuato la scorsa notte una serie di posti di controllo alla circolazione stradale in zona Valtenesi durante i quali hanno fermato numerosi veicoli ed i relativi conducenti e passeggeri.

droga manerba norm 1Nell’ambito di uno di questi controlli, a Puegnago del Garda via Bresciani, è stata fermata un’utilitaria a bordo della quale viaggiava una coppia di ventenni della zona che, in relazione al comportamento tenuto, ha incuriosito i militari che hanno deciso di approfondire il controllo con una perquisizione.

L’intuito dei carabinieri ha così consentito di trovare, all’interno del borsello della ragazza, un discreto quantitativo di stupefacenti, soprattutto ben assortito. In particolare venivano rinvenuti 40 grammi circa di stupefacente del tipo ketamina, 30 grammi circa di stupefacente del tipo extasy, 22 grammi di cocaina, 1 grammo di hashish.

La successiva perquisizione domiciliare dell’abitazione della ragazza consentiva il sequestro di ulteriori 20 grammi di cocaina, della somma di 190 euro ritenuta provento dello spaccio, di materiale per il confezionamento e di un bilancino di precisione. Presso l’appartamento del compagno i carabinieri trovavano una dose di cocaina, una di marjuana, una di extasy, 3 grammi di funghi allucinogeni, una dose di lsd e numerosi semi di canapa indiana.

I due arrestati nella mattinata di oggi sono stati sottoposti a giudizio direttissimo presso il Tribunale di Brescia con convalida dell’arresto, richiesta di termini a difesa e rinvio dell’udienza, e la donna è finita ai domiciliari.

Controlli straordinari del territorio

Prosegue l’azione di contrasto messa in atto dai Carabinieri della Compagnia di Brescia impiegati in specifici servizi sul territorio. I militari della Stazione di Brescia – Sant’Eustacchio, durante un controllo per la prevenzione dei reati in materia di stupefacenti presso un liceo cittadino, hanno deferito in stato di libertà per detenzione abusiva di arma da taglio un minore trovato in possesso di un coltello a serramanico occultato propria persona, sequestrato, lungo 22 cm.

I militari della Stazione Carabinieri di Mazzano hanno tratto in arresto in esecuzione ordinanza custodia cautelare emessa dal Tribunale di Brescia una donna trentenne di etnia rom, pregiudicata e già sottoposta alla misura dell’obbligo di dimora. La donna, come hanno avuto modo di certificare i militari nella richiesta inoltrata precedentemente all’Autorità Giudiziaria, aveva continuato a compiere condotte criminose nonostante gli obblighi impostigli. Espletate le formalità di rito è stata associata presso il carcere di Verziano ove è adesso a disposizione dell’autorità giudiziaria.

I militari della stazione di Roncadelle hanno proceduto all’arresto e al deferimento di due ladri sorpresi dalla vigilanza a rubare all’interno del Centro Commerciale Elnos. I due, un ventenne e un minore, entrambi gambiani, avevano asportato, danneggiandoli al fine di togliere il dispositivo antitaccheggio, capi di abbigliamento per un valore di circa 200 €. Merce restituita al legittimo proprietario; il minore è stato segnalato alla Procura per i Minorenni mentre il ventenne è stato arrestato.

Sempre per furto aggravato, i militari Nucleo Operativo e Radiomobile di Brescia, hanno arrestato una giovane extracomunitaria ventenne del Ghana, sorpresa dalla vigilanza presso il centro commerciale Freccia Rossa dopo aver asportato capi di abbigliamento, dai quali aveva rimosso con violenza i dispositivi antitaccheggio, per un valore di circa 150 euro.

Infine è stato tratto in arresto un pusher quarantacinquenne bresciano operante in via Musei. I militari, durante un servizio, hanno osservato a distanza l’uomo che, stante il suo fare sospetto, è stato sottoposto a perquisizione personale. L’attenzione dei militari è stata subito attirata da uno dei due accendini il quale, non funzionante, era sprovvisto del foro inferiore per la ricarica del gas e risultava più leggero del solito. Togliendo un tappo posto sul fondo, i militari hanno scoperto che l’accendino era stato svuotato del normale contenuto e, al suo interno, erano state occultate 3 dosi di cocaina.

Sussistendone i presupposti di legge, i militari hanno deciso di estendere la perquisizione anche all’abitazione del soggetto, ove sono state rinvenute altre dosi di cocaina, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. Oltre all’accendino e al bilancino, sono stati sequestrati in totale circa 16 grammi di cocaina e la somma contante di 100 euro, ritenuta provento dell’attività illecita. Dopo le formalità di rito, il pusher ha trascorso la notte agli arresti domiciliari ed è stato giudicato stamane mediante rito direttissimo. Arresto convalidato e condanna alla pena di dieci mesi di reclusione e 2.000 euro di multa.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136