Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad
Ad


Cles, si affrontano a scuola con mazza e punteruolo: due minorenni denunciati dai carabinieri

giovedì, 14 marzo 2019

Cles – Ieri pomeriggio personale dell’Aliquota Radiomobile è intervenuto presso una scuola superiore di Cles perché due ragazzi si erano affrontati impugnando, rispettivamente, una mazza da baseball ed un punteruolo.

cSe le erano promesse da un po’ di giorni e ieri hanno regolato i loro conti. Lo hanno fatto nelle adiacenze della scuola, durante la ricreazione del pomeriggio, davanti ai loro compagni. La “sfida” era stata lanciata qualche ora prima da uno dei due, tramite social network. L’altro l’aveva raccolta e, nell’ora stabilita, si era fatto trovare pronto.

I protagonisti, che quest’anno compiranno 18 anni e frequentano due diverse scuole superiori di Cles, si sono appartati nei per affrontarsi impugnando, rispettivamente, una mazza da baseball ed un punteruolo. Nella contesa l’ha spuntata (se così si può dire) il primo, il quale è riuscito ad assestare sul corpo del contendente alcuni colpi, bastonate che hanno finito per fratturargli il gomito (il ragazzo ne avrà per almeno trenta giorni).

È stato il tempestivo allarme lanciato da alcuni alunni ed il primo intervento degli insegnanti ad evitare che la disputa potesse avere più serie conseguenze.

Immediata la segnalazione al 112 e l’intervento dei Carabinieri della Compagnia di Cles. Quando hanno raggiunto al scuola, però, i militari dell’Aliquota Radiomobile hanno trovato soltanto il ragazzo ferito. L’altro, che si era rapidamente allontanato, è stato rintracciato più tardi. I Carabinieri hanno rinvenuto (e sequestrato) punteruolo e mazza da baseball che, per la violenza dei colpi, si era spaccata in due parti. Adesso indagano (ieri sono stati sentiti alcuni testimoni dei fatti) per stabilire se si è arrivati a tanto per uno sguardo di troppo ad una ragazzina contesa o per altre ragioni.

Le conseguenze per i ragazzi saranno serie. I due – che ieri sono rimasti in caserma a lungo insieme ai genitori, ai quali sono stati affidati – dovranno rispondere, rispettivamente, di lesione personale aggravata e di minaccia e porto abusivo di arma od oggetto atto ad offendere. Questo al di là del risarcimento del danno per la lesione personale che riguarderà soltanto uno dei due.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136