QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cles, operazione dei carabinieri: arrestati due ladri di appartamento. Potenziati i controlli

sabato, 13 dicembre 2014

Cles – I Carabinieri della Compagnia di Cles hanno messo le manette ai polsi di due perfetti topi d’appartamento. I fatti, in sintesi: periferia di Cles, abitazione isolata con deboli sistemi di difesa passiva e proprietari momentaneamente assenti. T.S. e A.A., 20enni residenti in Romallo, il primo dei due con precedenti penali specifici, rilevano quella che potrebbe essere definita la perfetta situazione per poter agire indisturbati.CARABINIERI LARGE

Sono le 6 del pomeriggio e le condizioni di luce si presentano ideali per ridurre il rischio di poter essere notati. I ladruncoli parcheggiano così l’auto a qualche centinaio di metri dall’immobile, che poi speditamente raggiungono a piedi. Divelgono quindi una porta-finestra con una ferma spallata e vi si introducono. Nel giro di pochi minuti le stanze sono messe a soqquadro ed i cassetti della mobilia completamente rovistati. I due arruffano qualche oggetto in oro e trecento euro in contanti e si allontanano proprio nel momento in cui i padroni di casa rientrano, hanno quindi modo di vederli e di dare l’allarme chiamando il 112.

Una pattuglia della Stazione di Taio non è molto distante dal posto e celermente vi si reca, seguita da quella dell’Aliquota Radiomobile. La distanza tra l’abitazione presa di mira e l’auto utilizzata per la fuga fa il resto e dilata i tempi di fuga: i delinquenti sono in questo modo intercettati e bloccati. Addosso hanno la refurtiva ed in auto il kit del perfetto ladro: oltre a guanti e cappelli, comunemente usati per non lasciare tracce e per il travisamento del volto, arnesi di ogni tipo ovvero cacciavite di tutte le specie, punteruoli e pinze, nonché il classico piede di porco.

Tratti in arresto nella flagranza del reato ascritto, T.S. e A.A. saranno quest’oggi giudicati con rito direttissimo dal Tribunale di Trento.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136