QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Cade elicottero: un morto e due feriti. Il Soccorso Alpino Lombardo sul luogo della tragedia

sabato, 19 novembre 2016

Alpe Tedesco – Tragedia all’Alpe Tedesco con un elicottero precipitato. Il bilancio: l’elicottero Aw109 decollato da un eliporto di Lugano diretto in Valtellina con a bordo il pilota italiano e due passeggeri, una donna di Sondrio e un imprenditore svizzero con il brevetto di volo, è precipitato in una zona impervia in provincia di Varese, vicino al confine con la Svizzera. La valtellinese Stefania Fendoni, 40 anni, è morta. L’imprenditore e il pilota, un 57enne di Sondrio, sono rimasti feriti. I soccorritori li hanno portati in salvo dopo ricerche rese difficili dalla conformazione della zona e dalle condizioni atmosferiche.

I tecnici della XIX Delegazione Lariana del CNSAS Lombardo (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) stanno operando nel luogo in cui  è precipitato un velivolo partito dalla Svizzera, per cause in corso di accertamento. La zona, ripida e caratterizzata dalla presenza di bosco e roccia, si trova sopra Arcisate, in provincia di Varese, poco distante dal confine elvetico. I soccorritori impegnati sono 35, appartenenti alle stazioni di Varese, Lario Occidentale, Triangolo Lariano, Lecco. Nell’incidente, secondo le prime informazioni, una persona deceduta e due sono rimaste ferite. L’intervento è tuttora in corso, seguiranno eventuali aggiornamenti.

elicottero-precipitato-1

Al lavoro gli uomini del CNSAS, che hanno raggiunto il relitto nella zona dell’Alpe Tedesco, a pochi chilometri dal confine con la Svizzera. Particolarmente difficile, anche per le condizioni del tempo, l’intervento dei soccorritori. In breve tempo gli uomini del Soccorso Alpino hanno dovuto identificare e circoscrivere l’area delle ricerche, a cui hanno collaborato attivamente anche gli uomini dei Vigili del Fuoco. La conoscenza del territorio e la velocità d’intervento sono stati d’aiuto per raggiungere e portare in salvo i due feriti.

Un campo base è stato allestito a Bisuschio e, da lì, sono partite le ricerche condotte da operatori del 118, vigili del fuoco con gli specialisti del Nucleo speleo alpino fluviale, Carabinieri, soccorso alpino e protezione civile. Una squadra ha battuto i sentieri della zona, mentre elicotteri hanno sorvolato l’area. Le condizioni meteo, però, non hanno consentito un intervento via aria e solo nel tardo pomeriggio l’elicottero caduto è stato individuato. Nell’abitacolo vi era il cadavere di Stefania Fendoni (nella foto sotto) mentre i due feriti sono stati soccorsi e trasportati in ospedale dove sono stati riscontrati loro dei traumi dovuti all’impatto anche se non sono in pericolo di vita. stefania-fendoni-1


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136