QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cade base jumper sul Monte Brento. Lettone ricoverato all’ospedale di Trento

venerdì, 18 aprile 2014

Monte Brento – Incidente sportivo per un base jumper nella zona del Monte Brento. Un appassionato, originario della Lettonia, è precipitato poco prima di mezzogiorno mentre stava scalando una parete rocciosa.

Soccorso-Alpino-elicottero-SUEM

Il giovane è stato subito soccorso dagli amici che hanno allertato il 118 Trentino, sul posto è giunto l’elisoccorso e i vigili del fuoco, oltre ai carabinieri, e il giovane è stato trasportato all’ospedale di Trento. Secondo i medici si tratta di media gravità, il giovane è stato trattenuto in osservazione, la prognosi sarà sciolta nelle prossime ore.

Il base jumper, insieme a degli amici, si è lanciato dal celebre “Becco dell’Aquila” del Monte Brento con il paracadute, ma non indossava la tuta alare che, aumentando la superficie del corpo umano, permette di trasformare la velocità determinata dalla forza di gravità in planata orizzontale e quindi di allontanarsi, come uno scoiattolo volante, dalla parete.

LA RICOSTRUZIONE
Poco dopo il lancio, superato lo zoccolo roccioso sotto il quale si apre l’impressionante parete est del Brento, chiamata “Vertigine”, e l’inizio, quindi, della fase di caduta quasi verticale, il turista lettone ha aperto il paracadute, ma per cause da accertare, ha fatto un mezzo giro su se stesso, rimanendo impigliato alla roccia e sospeso nel vuoto.

Gli altri base jumpers che lo hanno seguito nel salto si sono accorti dell’incidente e appena hanno toccato il suolo, al campo di atterraggio di Gaggiolo, nel comune di Dro, hanno subito chiamato i soccorsi, controllando nel frattempo con il binocolo le condizioni del paracadutista che, immobile, non dava apparenti segni di vita.  La centrale operativa di Trentino emergenza, che risponde al numero del 118, ha inviato sul luogo dell’incidente l’elicottero, i tecnici della Stazione del soccorso alpino di Riva del Garda e i Vigili del fuoco. Sono intervenuti anche i Carabinieri.

Una volta individuato in parete, il base jumper è stato recuperato con una spettacolare e delicata manovra dall’equipaggio dell’elicottero di Trentino emergenza che ha calato con il verricello il Tecnico di elisoccorso del Soccorso alpino.
Per un vero e proprio miracolo, il paracadutista non ha riportato delle ferite gravi, riuscendo addirittura, nell’attesa dei soccorsi, a fasciarsi le ferite riportate alle braccia e al ginocchio. I suoi compagni, al termine di questa avventura a lieto fine, hanno detto che con questo volo il lettone si è giocato il jolly della sua vita.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136