QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bressanone, scontro tra mezzi sui binari: due operai morti e tre feriti gravi

mercoledì, 26 aprile 2017

Bressanone – Scontro tra due mezzi sui binari a Bressanone, due operai morti e altri tre gravi. E’ il bilancio del gravissimo incidente ferroviario accaduto nella notte. La linea ferroviaria del Brennero è chiusa.Bressanone 10

L’incidente è avvenuto attorno a mezzanotte: coinvolti due mezzi tecnici, uno dei quali si è incendiato. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, la Croce bianca, la polizia e i carabinieri . L’incidente – si legge in una nota della Rfi – è avvenuto alle 23.55 di ieri tra due mezzi tecnici, una rincalzatrice e una profilatrice, di proprietà della ditta Rossi G.C.F., che sta svolgendo dei lavori sulla linea ferroviaria. La circolazione dei treni è sospesa tra Fortezza e Bressanone ma è stato attivato un servizio sostitutivo con autobus tra Brennero e Bolzano”.

Rfi ha già attivato un’inchiesta per stabilire le cause dell’accaduto, la Procura ha avviato un’inchiesta e sono in corso accertamenti delle forze dell’ordine.

Incidente a Bressanone: cordoglio per le vittime, linea chiusa

“Il nostro primo pensiero in questo momento va alle vittime e ai loro familiari, l’amministrazione provinciale sta lavorando a stretto contatto con RFI per chiarire cause e dinamiche dell’incidente”. Con queste parole il presidente della Provincia Arno Kompatscher e l’assessore alla mobilità Florian Mussner commentano lo scontro avvenuto questa notte a Bressanone, lungo la linea ferroviaria del Brennero, e che è costato la vita a due persone. Sul luogo si sono immediatamente recati con tre mezzi i vigili del fuoco del corpo permanente di Bolzano, coordinati da Roland Meraner, che hanno concluso il loro intervento alle 5 di mattina, mentre i danni causati all’infrastruttura dall’impatto fra i due treni sono stati tali da rendere necessaria la chiusura completa del tratto compreso fra Bressanone e il Brennero. I collegamenti sono affidati ad un servizio di bus sostitutivi già attivo dalle prime ore della mattina.

I tecnici di RFI sono in ogni caso al lavoro per cercare di garantire la circolazione dei treni sulle altre tratte ferroviarie provinciali e per riaprire almeno parzialmente la linea del Brennero: secondo le prime stime, un binario potrà essere nuovamente percorribile non prima di domani pomeriggi, mentre per la riapertura completa, compreso il secondo binario, si dovrà presumibilmente attendere venerdì pomeriggio. Sino ad allora, come detto, saranno operativi dei servizi di bus sostitutivi che garantiranno i collegamenti fra Bressanone e il Brennero.

“Siamo estremamente addolorati per l’incidente – conclude l’assessore alla mobilità Florian Mussner – avvenuto di notte a causa del fatto che per ammodernare e adeguare i binari tanti lavoratori concentrano i loro sforzi proprio in queste ore. In un’occasione tragica come questa, ci tengo a sottolineare il grande lavoro che queste persone svolgono per fare in modo che durante il giorno il traffico ferroviario possa scorrere in maniera regolare, senza intralciare gli spostamenti dei viaggiatori e dei pendolari che quotidianamente utilizzano il treno”.

INCIDENTE BRENNERO, PANIZZA (PATT): VICINI ALLE FAMIGLIE DELLE VITTIME E AI FERITI

“Esprimo tutta la vicinanza mia e degli autonomisti trentini alle famiglie delle vittime e alle altre persone rimaste gravemente ferite nell’incidente dell’altra notte sulla linea ferroviaria del Brennero, un fatto grave e con un bilancio in termini di morti e feriti inaccettabile.”

Così in una nota il segretario politico del PATT, senatore Franco Panizza: “Il fenomeno delle morti sul lavoro è un tema su cui non si deve mai abbassare la guardia, mettendo in campo tutti gli accorgimenti affinché sia garantita la massima sicurezza dei lavoratori. Per questo l’auspicio è che l’indagine chiarisca quanto prima la dinamica per accertare eventuali responsabilità ed evitare che situazioni così tragiche, come quella della scorsa notte, possano ripetersi”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136