Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Brescia, la Finanza sequestra prodotti non sicuri in negozio cinese

venerdì, 9 marzo 2018

Brescia – La Guardia di Finanza di Brescia ha eseguito un intervento nella zona della stazione ferroviaria di Brescia nei confronti di un minimarket gestito da soggetti di nazionalità cinese, per verificare il rispetto della normativa attinente alla sicurezza dei prodotti, al Codice del Consumo nonché agli adempimenti fiscali.

In particolare, i Finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Brescia, guidati dal comandante provinciale Salvatore Russo, hanno controllato i prodotti posti in vendita in relazione alle necessarie indicazioni in lingua italiana concernenti provenienza, tipologia di prodotto, materiali utilizzati, istruzioni, precauzioni e destinazioni d’uso, dirette a garantire la corretta e completa informazione al consumatore, così come previsto dalla citata normativa.

finanza Brescia cinesiIl controllo si è concluso con il rinvenimento e il sequestro di 829 oggetti pronti per la vendita, composti prevalentemente da parrucche e ciocche “extension”.

Le irregolarità riscontrate, sanzionate in via amministrativa, possono comportare una pena pecuniaria da un minimo di 516 euro fino a un massimo di 25.823 euro. Sono in corso i necessari accertamenti volti a ricostruire la filiera di distribuzione al fine di individuare il fornitore della merce immessa illecitamente sul mercato.

Il servizio si inserisce nel più vasto contesto operativo riguardante la lotta alla contraffazione ed alla circolazione di prodotti insicuri e/o pericolosi a tutela della leale concorrenza di mercato e della salute dei consumatori. Il commercio di prodotti non genuini ed insicuri danneggia il mercato e sottrae opportunità e lavoro alle imprese che rispettano le regole. Il contrasto a tale fenomeno permette di arginare l’inquinamento del mercato e della sana imprenditoria, nonché di ripristinare adeguati livelli di legalità, trasparenza e sicurezza pubblica.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136