QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Brescia, in Appello confermati 8 mesi di pena all’ex prefetto per abuso d’ufficio

giovedì, 19 maggio 2016

Brescia-  Anche in Appello è stata confermata la pena. L’ex prefetto di Brescia, Livia Narcisa Brassesco Pace (a sinistra nella foto di repertorio), è stata condannata a otto mesi con pena sospesa perconcorso in abuso d’ufficio.

prefetto

In primo grado il giudice del tribunale di Brescia, Carlo Bianchetti, aveva inflitto all’ex Prefetto, per aver agevolato la restituzione della patente al figlio di un imprenditore bresciano al quale il documento di guida era stato ritirato per eccesso di velocità, otto mesi di carcere. Il giudice Bianchetti aveva accolto la richiesta del Pm Eliana Dolce.

Il caso risale al 2012: la patente venne restituita 16 giorni prima dei termini; ovvero 74 giorni dopo il ritiro e non 90. Nei guai finirono anche il funzionario della Prefettura Carmelo Bellissima, che firmò l’accoglimento del ricorso, l’imprenditore Rino Gambari che aveva contattato telefonicamente l’ex Prefetto. Ora in Appello i giudici hanno confermato la pena per l’abuso d’ufficio, all’ex prefetto di Brescia.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136