QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Brescia, festeggiata nella chiesa Santa Maria in Calchera la Virgo Fidelis

martedì, 21 novembre 2017

Brescia – E’ stata celebrata oggi, nella chiesa di Santa Maria in Calchera, sita nell’omonima piazza della città di Brescia, alla presenza delle autorità civili e militari del capoluogo, la ricorrenza della Virgo Fidelis, patrona dell’Arma dei Carabinieri.

Virgo Fidelis Brescia 0

In una chiesa gremita in ogni ordine di posto, il comandante provinciale, colonnello Luciano Magrini, ha evidenziato che, sotto questo nome, a partire dall’11 novembre 1949, la Vergine Maria è divenuta Patrona dell’Arma dei Carabinieri. Quel giorno, accogliendo il voto unanime dei cappellani militari dell’Arma e dell’Ordinario Militare, il Papa Pio XII promulgò un apposito Breve Apostolico.

La ricorrenza della Patrona venne fissata dallo stesso Pontefice il 21 del mese di novembre, giorno in cui cade la Presentazione di Maria Vergine al Tempio. Il titolo di Virgo Fidelis era stato sollecitato in relazione al motto araldico dell’Arma “Fedele nei secoli”.

Il colonnello Magrini ha altresì commemorato, con l’occasione, il 76esimo anniversario della battaglia di Culqualber – che cade proprio il 21 novembre.

Nella battaglia di Culqualber, in Africa Orientale, durante la seconda guerra mondiale, un gruppo di Carabinieri del primo Battaglione Carabinieri e Zaptié Mobilitato si sacrificò per proteggere un caposaldo dagli attacchi ripetuti di inglesi e indigeni. Per quel gesto eroico, avvenuto il 21 novembre 1941, la Bandiera dell’Arma fu decorata di Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Nella stessa ricorrenza, l’Arma celebra altresì la Giornata dell’orfano istituita nel 1996 per l’assistenza ai figli dei militari caduti in servizio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136