QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Brescia, appuntamento a luci rosse si tramuta in rapina. Coppia fermata dai carabinieri

mercoledì, 21 settembre 2016

Brescia – Appuntamento a luci rosse si tramuta in rapina, giovane coppia arrestata dai carabinieri. Una giovane ragazza italiana gli aveva dato appuntamento nel parcheggio del Penny Market di via Alessandro Lamarmora di Brescia per una prestazione sessuale a pagamento, ma lui non poteva immaginare che lei, avuta in anticipo la somma pattuita, lo avrebbe aggredito con dello spray urticante e rapinato con l’aiuto di un complice nascosto li vicino.

La giovane vittima ha subito chiamato i Carabinieri che, intervenuti tempestivamente, sono riusciti a trovare e fermare i due rapinatori, riconosciuti poi dalla vittima.

FURTO AL FAMILY MARKET DI PEUGNAGO 

Nella serata di ieri i Carabinieri di Manerba del Garda con la collaborazione dei colleghi del Nucleo Operativo e Radiomobile di Salò, hanno arrestato 3 persone ritenute responsabili di furto aggravato in concorso.

Sono le 18.50 circa di ieri sera ed i Carabinieri di Manerba del Garda ricevono una telefonata da parte del personale del Supermercato Family Market di Puegnago del Garda. L’interlocutore riferisce, fornendo alcuni dettagli rivelatisi essenziali, che poco prima 3 persone hanno effettuato un furto di alcuni prodotti sottratti dagli scaffali dell’esercizio commerciale. I tre si sono allontanati, a gran velocità a bordo di un’autovettura Volvo, con uno zainetto rubato nel negozio.

Immediatamente, tramite Centrale Operativa, i Carabinieri diramano le ricerche dei fuggitivi che vengono intercettati, a qualche kilometro di distanza nel comune di Padenghe del Garda, con ancora la refurtiva a bordo del veicolo. Lo zainetto è stato quindi recuperato ed il relativo contenuto, prodotti per l’igiene personale per un valore di circa 120 euro, è stato riconsegnato al responsabile del negozio.

I tre soggetti, 2 uomini ed una donna di origine rumena, domiciliati in Italia, sono stati arrestati e sottoposti a giudizio direttissimo nella mattinata odierna presso il Tribunale di Brescia.

FURTO, ARRESTATA COPPIA

Furto al Leroy Merlin, coppia arrestata dai Carabinieri. Ieri mattina una coppia di giovani è stata arrestata dai militari per aver sottratto del materiale elettrico al Leroy Merlin di via Genova.

I due, di nazionalità rumena, hanno eluso il sistema antitaccheggio dell’esercizio commerciale nascondendo la refurtiva dentro una borsa “schermata” con dei fogli di alluminio, ma i loro movimenti non sono passati inosservati. Gli addetti alla vigilanza, infatti, notata la condotta criminosa, hanno subito richiesto l’ausilio dei Carabinieri, che, prontamente intervenuti, hanno recuperato e restituito la refurtiva.

SPACCIO, IN CARCERE DUE PUSHER
Spaccio all’interno dei parchi cittadini, arrestati due pusher. Arrestati dai carabinieri due ventenni gambiani. Si erano posizionati all’interno del parco Tullio Gadola, vicino via Nisida, i due spacciatori arrestati ieri dai Carabinieri durante un mirato servizio di osservazione.

Continua con successo l’attività di contrasto allo spaccio di stupefacente messa in atto dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Brescia che in questi giorni, recependo le lamentele di alcuni cittadini, hanno predisposto mirati servizi volti ad individuare ed assicurare alla giustizia i pusher operanti nei parchi cittadini.

A pochi giorni dal sequestro di ingenti quantità di stupefacente in un magazzino vicino al frequentatissimo Parco Gallo, a finire in manette, questa volta, sono due giovani gambiani richiedenti asilo politico sorpresi a cedere sostanze stupefacenti in un’ altra area verde poco distante. I soggetti, fermati e perquisiti, venivano trovati in possesso di 50 grammi hashish, 18 grammi di marijuana e la somma contante di 55 euro sicuramente riconducibile all’attività di spaccio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136