QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bracconiere di Pinè denunciato dalla Polizia per utilizzo di armi contraffatte e clandestine

mercoledì, 12 marzo 2014

Baselga di Piné – Cacciatore denunciato per utilizzo di armi contraffatte o clandestine. Nell’ambito di un’attività di polizia,diretta dall’Ufficio Pasi, finalizzata alla ricerca di armi contraffatte o clandestine utilizzate per la cacciagione di frodo il personale della polizia di Trento ha eseguito una perquisizione presso l’abitazione di un cacciatore dell’altopiano di Piné, A.M., 72 anni. Nella soffitta dell’abitazione sono state rinvenute due armi per l’applicazione di calciolo e silenziatore e 60 trofei di ungulabracconaggioti, probabilmente abbattuti di frodo. Il cacciatore è stato denunciato. la polizia ha sequestrato 11 fucili da caccia regolarmente detenuti e il ritiro del porto d’arma. Sono state rinvenute una pistola REMINGTON XP100, munita di silenziatore e calciolo di fabbricazione artigianale e un fucile calibro 22 con silenziatore a baionetta, utilizzata per l’attività di bracconaggio. Sul posto sono intervenuti gli operatori dell’ufficio distrettuale Forestale di Pergine Valsugana e la Guardia mdi Finanza di Trento della compagnia di Trento per il sequestro di un’attrazzatura per la produzione illegale di bevande alcoliche.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136