QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bormio, valanga nella zona del Vallone: paura per undici sciatori

sabato, 12 marzo 2016

Bormio – La VII Delegazione Valtellina – Valchiavenna del CNSAS (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) ha effettuato stamattina un intervento in seguito al distacco di una valanga di medie – grandi dimensioni. L’allertamento è giunto intorno alle 11.30 di oggi. La zona interessata è stata quella del Vallone. Undici le persone presenti nell’area al momento, due quelle coinvolte, comunque tutte illese.VALANGA IN ALTO ADIGE, MORTI 2 SCIALPINISTI

La bonifica totale della zona ha escluso la presenza di altre persone. L’elicottero, che a bordo ha sempre il T.E. (tecnico di elisoccorso) del CNSAS, ha sorvolato l’area. Impegnati anche una U.C.V. (Unità cinofila da valanga) e sei i tecnici delle squadre territoriali, attivati a supporto dell’operazione, quattro dei quali dislocati a Bormio 2000 e gli altri due in paese. Si è trattato di una valanga con lastroni da vento sul versante Est Nord Est, con evidenti distacchi pregressi nell’area.

Per la prevenzione del rischio, non basta la mera consultazione del bollettino nivometeorologico, sebbene sempre raccomandata. È molto importante anche imparare a leggere i segnali della singola porzione di territorio perché, mentre le previsioni sono di carattere generale, nulla sostituisce le informazioni specifiche che si possono ottenere attraverso una attenta osservazione dei pendii. In ogni caso, il Soccorso alpino e i professionisti della montagna, come le guide alpine, costituiscono un riferimento molto importante, in quanto conoscono il territorio e sanno interpretare ogni segnale che possa anticipare il rischio di distacchi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136