QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bormio: cade in una zona termale naturale, muore 23enne dell’Alta Valtellina

sabato, 27 agosto 2016

Bormio – Tragedia a Bormio. Recuperato nella notte dal Soccorso Alpino Valtellinese il cadavere di un 23enne di Bormio, F.G., che è deceduto nella zona di una pozza d’acqua termale.

Le squadre del CNSAS Lombardo, allertate nella tarda serata di ieri per il recupero del corpo di un giovane di Bormio. Insieme con amici stava cercando di raggiungere la zona in cui si trova una pozza di acqua termale, sono scesi lungo il sentiero, nel bosco, ma in un punto molto ripido è scivolato. Un salto verticale di una settantina di metri che non gli ha lasciato scampo. È stato subito dato l’allarme.

soccorso alpino

Sul posto una ventina di tecnici della stazione di Bormio, otto di Santa Caterina Valfurva e nove appartenenti alla IX Delegazione Speleologica, specializzati per affrontare un intervento in forra, partiti da tutte le delegazioni regionali. Con loro hanno operato il SAGF (Soccorso alpino della Guardia di Finanza), i Carabinieri e i Vigili del fuoco.

Localizzare il punto esatto in cui il giovane si trovava è stato molto complesso, a causa del buio e per le caratteristiche morfologiche della zona, assai ripida, occupata da un bosco fitto e da rocce, con oggettive difficoltà di movimento. I tecnici del CNSAS conoscono comunque molto bene quell’area, anche perché si sono già verificati altri incidenti. Per riuscire a vederlo si sono dovuti calare con le corde. Il ritrovamento del corpo è avvenuto all’alba. L’eliambulanza, che ha sempre a bordo l’équipe medica e il tecnico di elisoccorso (TE) del CNSAS, ha recuperato la salma con il verricello. La salma è stata trasportata all’obitorio del presidio ospedaliero a disposizione dell’autorità giudiziaria. Sono in corso indagini per ricostruire quanto accaduto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136