QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Borgo Valsugana, i carabinieri denunciano tre persone per furto, minaccia e maltrattamenti

giovedì, 20 ottobre 2016

Borgo Valsugana – I carabinieri della Compagnia di Borgo Valsugana denunciano tre persone per furto, minaccia aggravata e maltrattamenti in famiglia.carabinieri borgo valsugana

La Compagnia Carabinieri di Borgo Valsugana, impegnata in una intensificazione dei servizi di controllo del territorio predisposti dal Comando Provinciale di Trento, ha denunciato 3 persone, per furto, minaccia aggravata e maltrattamenti in famiglia.

I Carabinieri della Stazione di Levico Terme hanno denunciato in stato di libertà P.N.A., 31enne pakistano, per furto di carta di credito. Le indagini sono scaturite da una signora che, recatasi presso i militari di quel comando, lamenta l’addebito di spese effettuate tramite una carta di credito da lei richiesta al proprio istituto di credito, ma mai ricevuta. Le conseguente indagini, hanno rapidamente indirizzato i sospetti sul corriere che, ricevuti i plichi bancari, doveva recapitarli ai destinatari. Ma una consegna “sfumava” ed il contenuto, una carta di credito, veniva subito utilizzata per pagamenti di ogni tipo, come pedaggi autostradali, ristoranti, articoli sportivi e, con una certa regolarità, presso un supermercato della Valsugana. I servizi di appostamento eseguiti, hanno promosso gli sforzi dei carabinieri che hanno intercettato il pakistano, nell’eseguire il pagamento di una cospicua spesa di beni di ogni genere. Condotto in caserma, è stato denunciato alla Procura trentina, mentre la carta di credito, veniva restituita alla banca, per i provvedimenti di competenza.

Sempre i carabinieri della stazione di Levico Terme hanno denunciato in stato di libertà O.D., italiano 69enne per il reato di minaccia aggravata. Al 112 chiama una donna in forte stato di agitazione. Riferisce aver trovato un biglietto sotto la porta d’ingresso della sua abitazione, contenente minacce di morte a lei dirette. I militari intervengono e, dopo averla rassicurata, iniziano a porre domande che possano indirizzare le indagini. Nel racconto della donna, vengono raccolti spunti investigativi che, una volta approfonditi, danno ragione all’intuito investigativo degli inquirenti. Le minacce provengono da un uomo che vive nelle vicinanze e che, per motivi futili, ha deciso di porre in essere un simile comportamento. L’uomo è stato denunciato.

I carabinieri della stazione di Roncegno Terme hanno invece denunciato per maltrattamenti in famiglia B.G., 69enne italiano. Le indagini hanno preso il via dal racconto di una donna che ai militari racconta le quotidiane ingiurie ed offese che riceve, da anni, dal convivente. Teme per la sua incolumità, visto il comportamento sempre più aggressivo dell’uomo. Vengono esperiti immediati accertamenti che, nel confermare quanto dichiarato dalla donna, inducono la Procura a disporre l’immediato allontanamento dalla casa familiare del compagno, disponendo, a carico dello stesso, altre prescrizioni. Il provvedimento, è stato subito adottato e l’uomo, scortato dai carabinieri, ha lasciato la casa.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136