QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Borgo Valsugana: donna subisce da 40 anni maltrattamenti, denunciato il marito

domenica, 10 gennaio 2016

Borgo Valsugana – I carabinieri di Borgo denunciano un marito per maltrattamenti. Una donna di 66 anni ha per 40 anni subito un uomo violento, minaccioso, incurante della dignità personale della donna che sempre più frequentemente ha picchiato, offeso, minacciato, fino a indurla a vivere continuamente in uno stato di paura, di ansia.

Carabinieri - foto nuova10

L’ultimo episodio di violenza, nella sua brutalità non certo la prima volta, ha convinto la donna a rivolgersi ai carabinieri. Spaventata, umiliata e stanca, ha riferito ai militari della Compagnia Borgo Valsugana che durante la sua vita matrimoniale, durata circa 40 anni, ha ricevuto dal marito schiaffi, pugni, offese anche in pubblico e minacce, anche di essere uccisa, a volte anche con dei coltelli da cucina.

Eppure, per tutti questi anni, dopo le botte, mai si è recata ad un pronto soccorso, mai una parola con nessuno e mai nessuno ha segnalato al 112 alcunché.

Le indagini scandagliano la vita della coppia, i vicini, gli amici, i luoghi frequentati dagli stessi, la casa domestica e si ricostruisce il passato, almeno il più recente.

È una storia che si ripete quella che i carabinieri si trovano a seguire. Indifferenza, isolamento, violenza.

Dapprima episodi sporadici che fanno pensare che l’uomo che ci accompagna nella vita, stia passando un brutto momento.

Ma poi gli episodi di violenza aumentano insieme alla paura, che la costringono a cambiare le proprie abitudini per non scatenare le reazioni di un uomo sempre più aggressivo, sempre più imprevedibile. Fino alla denuncia, arrivata dopo troppi anni.

L’uomo è stato denunciato in stato di libertà e, nel contempo, con provvedimento emesso dalla Procura di  Trento, allontanato immediatamente dall’abitazione condivisa con la donna, con divieto di avvicinamento, pena l’immediato arresto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136