QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Borgo Valsugana, denunciato dai carabinieri 32enne per oltraggio a pubblico ufficiale

giovedì, 11 agosto 2016

Borgo Valsugana - I carabinieri della Compagnia Borgo Valsugana hanno denunciato un trentino per oltraggio a pubblico ufficiale ed interruzione di pubblico servizio.

Momenti di confusione si sono verificati alla stazione ferroviaria di Borgo Valsugana Centro. Diverse le chiamate al 112, il numero unico di emergenza, da parte di cittadini che segnalavano una pesante lite tra un capotreno ed un’altra persona. I militari dell’Arma, due equipaggi, arrivano velocemente, dividono i due e vengono coperti di insulti da C.G. 32enne italiano, già conosciuto per droga, reati contro la persona ed il patrimonio. Non solo, ma l’uomo, fatto scendere dal convoglio ferroviario, decide di sdraiarsi sui binari, convinto che senza di lui, quel treno, non deve partire. Qualche minuto di paziente opera persuasiva ed il C.G. si toglie dai binari e viene accompagnato in caserma per gli accertamenti del caso, mentre il capotreno viene accompagnato presso il locale pronto soccorso.

carabinieri Brgo Valsugana

Nel ricostruire i fatti, tutto nasce dalla richiesta formulata dal capotreno del possesso di regolare titolo di viaggio rivolta all’uomo che saliva sul convoglio. Ma è una giornata storta e quest’ultimo non mostra il biglietto e cerca di passare. Il capotreno insiste, i due si fronteggiano e, a loro dire, si strattonano, si schiaffeggiano, ma nessun testimone, fino ad ora, conferma.

Quelli che sono certi, con tanto di testimoni, sono gli insulti rivolti ai carabinieri sopraggiunti per calmare gli animi. I militari lo riconoscono subito, è una vecchia conoscenza.

Per i fatti accaduti, per i quali sono in corso ancora accertamenti, l’uomo è stato denunciato in stato di libertà, alla Procura di Trento.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136