QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad

Ad

Bolzano, incendio boschivo sul Colle: sopralluogo dell’assessore Schuler

martedì, 3 gennaio 2017

Colle – Il punto della situazione sull’incendio boschivo sotto il Colle di Villa è stato fatto nel pomeriggio dall’assessore provinciale Schuler con il direttore dell’ispettorato forestale Bolzano I Martin Schöpf e il responsabile in loco del corpo permanente dei vigili del fuoco Martin Gasser. Grazie a 100 voli di elicottero ieri e 50 oggi sono stati trasportati in zona tra gli 800 e i 900 litri di acqua di spegnimento. Dopo l’ultimo impiego dell’elicottero, intorno alle 15, circa il 95% dell’incendio risultava spento, tuttavia anche oggi viene confermato un monitoraggio notturno per prevenire eventuali focolai nel sottobosco.incendio-bosco-colle

L’assessore Schuler si è detto molto impressionato dall’efficienza degli interventi in un’area estremamente disagiata da affrontare: “Ancora una volta si è confermata la perfetta collaborazione tra le autorità, i volontari e i privati.” Sul Colle in queste tre giornate sono stati impegnati il corpo permanente dei vigili del fuoco, la Forestale della Provincia, i vigili del fuoco volontari di Bolzano (gruppo Colle), i vigili del fuoco volontari di Laives, un elicottero di un’impresa privata e un elicottero della Guardia di finanza.

Trentino: sotto controllo gli incendi a Terragnolo e Rovereto

E’ circoscritto ad un’area di 50 metri di larghezza per circa 200 di profondità l’incendio boschivo divampato verso le 11.30 di oggi nella zona di Terragnolo. Sull’area sta concludendo il suo intervento l’elicottero che ha effettuato alcuni lanci di acqua per spegnere le fiamme. Il lavoro di controllo e definitivo spegnimento è affidato ai Vigili del Fuoco volontari di Terragnolo e degli altri corpi di volontari della zona, presenti con due squadre e prontamente intervenuti non appena è partito l’allarme. E’ sotto controllo anche l’incendio che nel primo pomeriggio di oggi ha interessato una porzione di tetto a Rovereto, nel centro della città, in via Conciatori. In questo caso sono intervenuti i Vigili del Fuoco del Corpo permanente di Trento e i volontari di Rovereto e di altri corpi della zona. Tutti gli interventi sono stati coordinati dalla centrale operativa di Trento. In entrambi i casi sono ancora da accertare le cause e sono in atto le operazioni di bonifica.

Si ricorda inoltre che è in vigore in questi giorni l’ordinanza che prevede il divieto assoluto d’accensione e lancio di fuochi d’artificio, di cosiddette lanterne cinesi e lo sparo di petardi e scoppio di mortaretti, razzi ed altri artifici pirotecnici, su tutto il territorio provinciale al di fuori del perimetro dei centri abitati.

E’ stata firmata dal presidente Ugo Rossi a fronte di una nota della Protezione civile che comunicava lo stato di particolare siccità, specialmente dei boschi e dei pascoli, in Trentino, a causa della mancanza di significative precipitazioni piovose e nevose che fa aumentare il rischio di incendi.

L’ordinanza invita inoltre i sindaci a verificare” se sussistono i presupposti, con riferimento ai centri abitati e alle aree sciistiche, per adottare gli opportuni provvedimenti, anche di natura contingibile e urgente, per fronteggiare particolari situazioni di pericolo”. Infine, invita “chiunque, a cui spetti, all’intensificazione dei controlli circa il divieto di fumo presso le aree degli impianti sciistici”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136