QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Blitz della polizia di Sondrio: arrestate due persone per rapina impropria e spaccio di droga

mercoledì, 10 dicembre 2014

Sondrio – Due arresti sono stati eseguiti dagli agenti della Polizia di Stato della Questura di Sondrio, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di controllo del territorio volti a contrastare i fenomeni della “criminalità diffusa”.polizia_4_7

Un primo arresto è stato eseguito, nel primo pomeriggio di ieri, in Caiolo, a seguito di una chiamata pervenuta sulla linea 113 da parte di un cittadino il quale ha riferito di aver sorpreso un individuo che, dopo essersi impossessato della somma di 300 euro, prelevata furtivamente dall’interno del suo camion, in sosta nel parcheggio di un’autofficina, si era dato alla fuga lungo il sentiero Valtellina, non prima di averlo spinto a terra. Gli agenti della Squadra Volante, in poco tempo, hanno raggiunto e bloccato l’individuo, grazie alle precise indicazioni fornite dal derubato, che, nel frattempo, si era posto al suo inseguimento. Condotto in Questura, l’individuo, identificato in Vittorio Barbaro, cinquantanovenne, della provincia di Lecce, con numerosi pregiudizi penali, è stato tratto in arresto per il reato di rapina impropria e associato presso la locale Casa Circondariale.

Sempre nel pomeriggio di ieri, gli agenti della Squadra Volante hanno proceduto, presso la locale Stazione ferroviaria, al controllo di una comitiva di tre giovani, residenti in Sondrio e in comuni limitrofi, trovati in possesso di alcune dosi di sostanza stupefacente del tipo di “marijuana”. Sono state quindi eseguite a loro carico delle perquisizioni domiciliari, nel corso delle quali, nell’abitazione di uno di essi, un diciottenne, R.U., sono stati rinvenuti e sequestrati circa 198 grammi della stessa sostanza stupefacente, un bilancino di precisione, della carta stagnola, e la somma di circa 2.500, presumibile provento dell’ attività di spaccio.

Pertanto, al termine degli accertamenti svolti, il diciottenne è stato tratto in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e associato presso la locale Casa Circondariale mentre nei confronti degli altri tre ragazzi, tra cui una minorenne, è scattata la denuncia, in stato di libertà, alla locale Autorità Giudiziaria per il medesimo reato.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136