QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Blitz della Finanza di Bressanone: sequestrati 670 chili di tabacco introdotti clandestinamente in Italia

giovedì, 1 settembre 2016

Bressanone – La Guardia di Finanza di Bolzano ha sequestrato 6,7 quintali di tabacco clandestinamente introdotto in Italia. I Finanzieri della Compagnia della Guardia di Finanza di Bressanone hanno sequestrato, nei giorni scorsi, circa 670 chili di tabacco da mastico, introdotto di contrabbando in territorio italiano, attraverso l’Autostrada del Brennero.

Le Fiamme Gialle, in servizio di controllo economico del territorio sull’importante arteria, questa volta sono state attratte dall’insolita velocità tenuta da un furgone bianco che percorreva l’autostrada in direzione sud tra il confine di Stato e la barriera autostradale dell’A/22 nei pressi di Vipiteno.

GDF BZ SEQUESTRO TABACCO 0

L’inconsueta e pericolosa andatura del mezzo ha insospettito i Finanzieri che hanno immediatamente deciso, coordinandosi con altra pattuglia presente in zona, di anticipare l’arrivo del furgone al casello autostradale, dove il mezzo è stato bloccato in assoluta sicurezza.

Alla richiesta di esibizione della documentazione relativa al carico, il conducente del mezzo, di nazionalità indiana, ha esibito un documento di trasporto che, sebbene fosse relativo alla movimentazione di tabacco, dalle verifiche e riscontri effettuati, anche mediante l’ausilio e il supporto della Sala Operativa del Comando Provinciale di Bolzano, non è risultato idoneo a legittimare la circolazione dei generi di monopolio come quelli trasportati.

Lo spostamento di questi ultimi prodotti, infatti, è sottoposto a stringenti adempimenti, diretti a contrastarne il contrabbando.

La successiva mirata, circostanziata e accurata ispezione del mezzo consentiva di rinvenire e sottoporre immediatamente a sequestro quasi 6,7 quintali di tabacco da mastico, per un valore di 30.000 euro, proveniente dall’India e destinato, verosimilmente, al mercato comunitario.

Il responsabile del trasporto è stato denunciato a piede libero e segnalato alla competente Autorità Giudiziaria.

Il risultato è stato conseguito nell’ambito dell’attività di controllo economico del territorio e contrasto ai traffici illeciti, che vede quotidianamente impegnate, nei pressi dei valichi di Stato, decine di Finanzieri del Comando Provinciale.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136