Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Blitz dei carabinieri di Cavalese: tre denunce per truffa e contraffazione

martedì, 16 gennaio 2018

Cavalese – Oltre alla consueta attività di vigilanza e controllo del territorio di competenza, in questo periodo particolarmente affollato da numerosi turisti, sia italiani che stranieri, giunti per trascorre un periodo di vacanza sui numerosi comprensori sciistici presenti nelle valli trentine, l’attività dei carabinieri non ha tralasciato quella più tradizionale delle indagini di polizia giudiziaria, volte al contrasto ed alla identificazione degli autori di reati in genere.carabinieri cavalese predazzo

In particolare i carabinieri della stazione di Imer (Trento, nell’ambito dei controlli alla circolazione stradale eseguiti in orario notturno nel territorio di Mezzano (Trento), hanno rinvenuto e posto sotto sequestro un motociclo marca “Beta”, privo di targa, al quale era stato anche abraso il numero di telaio. Immediate e positive indagini consentivano ai militari di identificarne il proprietario in un diciannovenne del luogo, tale P.A., il quale è stato denunciato a piede libero per il reato di contraffazione.

I militari della stazione di Canazei (Trento), a conclusione di una positiva indagine scaturita dalla querela presentata da un valligiano, hanno denunciato per truffa in concorso due uomini originari di Giarre (CT), tali G.S. classe 1999 e T.A. classe 1973, i quali in concorso tra loro, con più azioni esecutive, postavano su sito on line la vendita di ricambi per autovetture e ricevuto il pagamento della merce a mezzo ricarica postpay per un ammontare di 400 euro, non provvedevano a spedire la merce all’acquirente, rendendosi così irreperibili.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136