QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Blitz anti evasione della Finanza, nei guai sei società immobiliari della Valtellina e Bormio

martedì, 14 gennaio 2014

Bormio – Sequestrati beni e immobili per un valore di 2 milioni di euro. Operazione anti evasione della Finanza: i militari del Nucleo di Sondrio e della Tenenza di Bormio hanno infatti sequestrato 32 immobili (appartamenti, box e locali di deposito) nei confronti di sei società immobiliari, per un valore complessivo superiore ai 2 milioni di euro. L’operazione, realizzata in Alta Valtellina, è legata ai controlli nei confronti delle sei società, tutte riconducibili ad un noto imprenditore della zona, che hanno permesso di portare alla luce un imponibile sottratto a tassazione di oltre 3 milioni e 700mila euro.

Finanza 1

L’evasione fiscale veniva posta in essere prevalentemente attraverso la sistematica sottostima degli immobili venduti (aree edificabili e oltre 200 unità abitative) e la corresponsione di rilevanti quote di denaro in nero da parte degli acquirenti finali degli immobili. Rilevata la frode fiscale, i finanzieri hanno operato accertamenti patrimoniali sul conto delle società immobiliari interessate al fine di ricostruire l’esistenza di consistenze patrimoniali di valore equivalente all’imposta frodata al fisco. I finanzieri sono riusciti a dimostrare che tutte le società coinvolte presentano caratteristiche molto simili, trattandosi di persone giuridiche a ristrettissima base azionaria e aventi sedi fittizie localizzate a Milano, dove le persone indagate rivestono posizioni di dominio incontrastato. Tali elementi, a fronte di violazioni fiscali commesse da persone fisiche quali amministratori o soci, hanno consentito il sequestro dei beni nella disponibilità delle società, in quanto la compagine sociale veniva a configurarsi come uno schermo che permetteva di ricondurre solo formalmente alle società gli indebiti risparmi fiscali ottenuti dagli autori delle violazioni, i quali potevano liberamente disporre delle somme illecitamente accumulate.L’indagine della Guardia di Finanza è solo alle battute iniziali e potrebbero esserci sviluppi a breve.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136