Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca qui.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Bienno: domani l’addio ad Andrea Morandini, ucciso da una valanga

domenica, 15 aprile 2018

Bienno – Domani l’ultimo saluto nella chiesa parrocchiale di Bienno (Brescia) ad Andrea Morandini, il 35enne, responsabile di produzione dell’azienda di famiglia – Forge Morandini – travolto da una valanga sul Crocedomini, in località Lavena, e morto venerdì sera all’ospedale Papa Giovanni di Bergamo. Andrea Morandini, dopo avere frequentato l’Itis a Lovere e aver frequentato l’Università, si era inserito in azienda ed era il responsabile della produzione. Grande il cordoglio in tutta la Valle Camonica dove il 35enne era conosciutissimo (nella foto il luogo dove si è staccata la valanga e nel riquadro Andrea Morandini).

Crocedomini-valanga -Morandini

La salma è da ieri pomeriggio nella chiesa dei Beati a Cividate, paese dove il giovane era cresciuto e oggi alle 20 si terrà la veglia funebre. Domani sarà trasportata nella chiesa di Bienno, dove alle 17 saranno celebrate le esequie. Tra ieri e oggi in tanti hanno manifestato la vicinanza alla famiglia Morandini, al padre Vanni, alla madre Renata, al fratello Maurizio e ai parenti.

Sono in corso accertamenti per ricostruire l’incidente e sono diverse le ipotesi al vaglio degli inquirenti. La slavina si sarebbe staccata da una quota della montagna distante dal punto in cui stavano transitando i quattro giovani. Il fronte nevoso di 200 metri dalla Val Lavena a 1.979 metri di altezza è scivolato per 400 metri travolgendo il 35enne che era partito da Bazena in motoslitta con altri tre amici. Nei prossimi giorni saranno concluse le indagini, con l’intervento anche di un esperto nivologo.



© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136