QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Berzo Inferiore: dopo esondazione Vaso Re, strade ripulite

giovedì, 15 giugno 2017

Esine – L’ondata di maltempo è stata superata senza problemi nelle valli lombarde. Qualche grandinata in zone prealpine, poi i nubifragi che si sono abbattuti sulla media e bassa Valle Camonica, con l’esondazione del Vaso Re, nella zona tra Berzo Inferiore ed Esine, che ha trasformato le strade in torrenti d’acqua in piena. Nei momenti di maggior afflusso d’acqua sono stati superati i 1000 litri/secondo nel Vaso Re, che ha portato all’esondazione nel punto più alto e le strade sono state invase da acque e detriti.Esine-Berzo Inferiore

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco Darfo Boario Terme, che hanno lavorato anche nella cittadina per ripulire gli scantinati. In giornata sono stati effettuati gli ultimi interventi di pulizia della strada e dell’ondata di maltempo è rimasto ben poco. Intanto le temperature sono tornate nella norma del periodo.

L’INTERVENTO DEL COMUNE DI BERZO INFERIORE – L’enorme massa d’acqua riversatasi nel Vaso Re a monte di Berzo ha messo in crisi tutto il sistema fognario comunale, che non è più stato in grado di sopportare una quantità così ingente in un tempo così breve. Anni fa la gestione del Vaso Re era di competenza di Regione Lombardia, poi con il federalismo la competenza della manutenzione e gestione è stata passata ai Comuni. I canoni delle concessioni però sono rimasti alla Regione e alla Provincia e quando il Comune deve intervenire deve chiedere comunque ancora l’autorizzazione alla Regione stessa.

Negli scorsi anni il Comune ha deviato verso il Grigna una buona parte delle acque bianche, che prima venivano convogliate nel Re, realizzando a sue spese una nuova fognatura che dalla palestra arriva alla località Marucche.

Due anni fa il Sindaco ha convocato una riunione in Prefettura a Brescia alla quale erano stati invitati i sindaci di Bienno ed Esine, Provincia di Brescia settore strade, Vice Prefetto e Regione Lombardia STER. In tale sede è stato esposto il problema e segnalato la gravità del problema e i rischi conseguenti.

Nella riunione nessun ente ha voluto assumersi alcun impegno per risolvere il problema dell’esondazione del Re verso la strada provinciale.

A seguito della riunione il Comune, sempre a sue spese, ha provveduto a pulire il Vaso Re nel tratto laterale alla Strada Provinciale, in zona gommista, con un abbassamento dell’alveo di circa 1 metro.

La situazione è certamente migliorata, tanto che lo scorso anno non si sono verificati allagamenti, ma quando si verifica un temporale con precipitazioni eccezionali in pochi secondi quanto fatto risulta non sufficiente, come da noi sostenuto nella riunione tenutasi in Prefettura.

Quello che potevamo fare è stato fatto, adesso è giunta l’ora che anche altri si impegnino a fare ciò che non hanno mai voluto fare, e mi riferisco alla Provincia, che scarica nel Re l’acqua della strada provinciale, e alla Regione che incassa i soldi delle concessioni per lo sfruttamento idrico e idroelettrico insieme alla Provincia.

Domattina segnaleremo di nuovo l’accaduto, richiamando le nostre precedenti segnalazioni, e solleciteremo un nuovo intervento degli Enti superiori per risolvere un problema, problema che è sovracomunale e non solo di Berzo.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136