QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bagnolo Mella: controlli e denunce dei carabinieri per furti, truffa e armi

giovedì, 23 febbraio 2017

Bagnolo Mella – Nel corso dell’attività del controllo del territorio attuata dai militari della stazione carabinieri di Bagnolo Mella (Brescia), soprattutto in relazione alla prevenzione dei reati contro il patrimonio, effettuati nella giornata di ieri, sono stati denunciati: un cittadino italiano di 25 anni, residente a Corte Franca, responsabile di furto con destrezza della somma contante di circa 2.000 euri euro in danno di esercizio ricreativo sito in Flero; quindi una cittadina italiana di 33 anni, residente a Gussago, responsabile di truffa in danno di esercizio commerciale di Flero; un cittadino italiano di anni 46, residente a Quinzano per la violazione dell’art. 4 della Legge 110/1975, in quanto a seguito di controllo eseguito in Bagnolo Mella, veniva trovato in possesso di un bastone e coltello a serramanico, il cui porto è vietato dalla legge.

carabinieri-bagnolo-mella-0

Inoltre un cittadino italiano di anni 21, residente a Leno, è stato segnalato al Prefetto di Brescia quale assuntore di sostanza stupefacente, in quanto a seguito di controllo in Bagnolo Mella, è stato trovato in possesso di grammi 3 di marijuana. 

OPERAZIONE DEI CARABINIERI 

I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Brescia hanno assicurato alla giustizia un altro pusher operante nella zona di via Solferino, nei pressi della Stazione Ferroviaria.

L’arrestato, un quarantenne di origine tunisina, è stato osservato a lungo dai militari durante i suoi spostamenti per poi essere fermato e perquisito. All’esito dei controlli, sono stati rinvenuti 24 grammi di hashish suddivisi in più tagli e la somma contante di 160 euro in banconote di piccolo taglio, riconducibili all’attività delittuosa. Il soggetto è stato custodito in camera di sicurezza ed è stato giudicato stamane con rito direttissimo che si è concluso con la convalida dell’arresto.

Poco dopo, gli stessi militari hanno pedinato e sottoposto a perquisizione personale un altro soggetto tunisino di circa vent’anni, il quale, all’esito dei controlli, è stato trovato un possesso di 16 grammi di hashish; è stato pertanto deferito in stato di libertà per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136