QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Azioni antibracconaggio in Vallagarina: rinvenuti lacci e tagliola

giovedì, 13 febbraio 2014

Villa Lagarina – Nel corso del mese di febbraio agenti del Corpo Forestale Trentino del Distretto forestale di Rovereto-Riva, guardiacaccia dell’Associazione Cacciatori Trentini e Custodi Forestali, in stretta collaborazione tra loro, hanno portato a termine due brillanti operazioni antibracconaggio nei comuni di Ala e Villa Lagarina. Dopo lunghe attività di indagine sono stati individuati e denunciati a piede libero per bracconaggio i responsabili della posa di vari lacci per la cattura di fauna selvatica.LACCI, TAGLIOLA, TROFEI antibracconaggio

In particolare nel comune di Villa Lagarina sono stati rinvenuti alcuni lacci nei boschi sopra l’abitato di Castellano. Gli agenti di vigilanza hanno quindi organizzato una serie di appostamenti in seguito ai quali è stato possibile sorprendere ed identificare il responsabile dell’illecito. Successivamente si è proceduto alla perquisizione domiciliare dell’abitazione dello stesso, dove sono stati rinvenuti e sequestrati 5 lacci, 1 trappola a scatto e 4 tagliole.

Dopo qualche giorno è stata accertata la presenza di altri lacci nei boschi sopra l’abitato di Ala. Sono cominciati quindi degli appostamenti, anche notturni, che hanno nuovamente portato all’identificazione di un bracconiere. Anche in questo caso si è proceduto immediatamente alla perquisizione domiciliare, che ha portato al rinvenimento ed al sequestro di 5 lacci, 3 trofei di ungulati (1 camoscio e 2 caprioli) e 1 tagliola di notevoli dimensioni, molto pericolosa non solo per la selvaggina ma anche, potenzialmente, per le persone.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136