QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Artogne, nelle Marche annega l’ingegnere Luca Zendrini

domenica, 18 giugno 2017

Artogne – Annega dopo un tuffo in mare. Il primo giorno di vacanza si è trasformato in tragedia per l’ingegnere camuno Luca Zendrini, responsabile dell’ufficio tecnico della ditta “Guarnizioni Industriali Srl” di Paratico. Oggi a Grottammare, nelle Marche, ha perso la vita Luca Zendrini, nato 44 anni fa a Darfo, residente ad Artogne: l’ingegnere, padre di due figli, è stato risucchiato dalla corrente, mentre si stava avvicinando alla scogliera con il figlio di 11 anni, ed è scomparso nelle acque dell’Adriatico e trascinato fino alla scogliera.

autoambulanza 118 soccorso misericordia

Sono subito scattati i soccorsi: dalla  spiaggia si sono immersi i bagnini di uno stabilimento balneare. Koh-I-Noo, che, dopo il recupero, hanno tentanto di rianimare l’ingegnere Luca Zendrini per almeno 15 minuti, ma non c’è stato nulla da fare. Il figlio di 11 anni è stato invece portato in salvo dai bagnini.

La tragedia è avvenuta alla presenza della moglie Micol, medico, della figlia di soli 3 anni appena e i genitori della moglie. La Procura di Fermo che ha competenza territoriale ha aperto un fascicolo e la ricostruzione della tragedia è stata effettuata dalla Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto. La salma di Luca Zendrini è stato ricomposta nell’obitorio dell’ospedale di San Benedetto del Tronto a disposizione del magistrato di turno, che disporrà l’autopsia. Ad Artogne e Darfo è lutto per la morte dell’ingegnere.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136