QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad

Arresto di due profughi per tentata rapina, aggrediti anche i carabinieri

mercoledì, 18 maggio 2016

Morbegno – Hanno fermato un automobilista di origine marocchina, regolarmente residente in Italia, mentre rientrava a casa, e, affrontatolo, gli hanno intimato di consegnare loro, dietro minaccia, tutto il denaro che aveva con sé.CARABINIERI LARGE

E’ successo in via Merizzi, a Morbegno (Sondrio). Il malcapitato, che procedeva alla guida della propria autovettura e, visti i due giovani in mezzo alla strada, si è fermato, scendendo dal veicolo e venendo subito accerchiato, fortunatamente è riuscito, dopo una breve colluttazione, a divincolarsi e scappare. Proprio mentre si allontanava dal luogo dell’aggressione, ha incrociato una pattuglia dei carabinieri della Stazione di Morbegno che transitava di lì durante un servizio di perlustrazione del territorio e prevenzione dei reati e che, sentito il suo racconto, si è messa immediatamente sulle tracce dei rapinatori, rintracciati poco dopo presso la stazione ferroviaria di quel centro.

I due, che inizialmente hanno rifiutato di fornire le proprie generalità, al momento del controllo hanno opposto viva resistenza ai militari dell’Arma che, comunque sono riusciti ad ammanettarli e condurli in caserma.

Si tratta di Alimi Abdullras Aki, classe 1979, originario della Costa d’Avorio e Abakwue Lucky Chineye, nigeriano classe 1984, il primo irregolare sul territorio nazionale e senza fissa dimora, mentre il secondo in regola con il documento di soggiorno e ospitato presso una struttura ricettiva di Sondrio, entrambi giunti in Italia quali profughi-richiedenti asilo umanitario.

Al termine degli accertamenti di rito, quindi, entrambi sono stati tratti in arresto in flagranza di reato per tentata rapina in concorso, resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni e rifiuto di fornire le proprie generalità. Alimi Abdullras Aki, che dovrà rispondere anche per violazione norme sul soggiorno, è stato poi condotto nel carcere di Sondrio, mentre Abakwue Lucky Chineye è stato posto agli arresti domiciliari presso la struttura ove è ospitato.

La vittima della tentata rapina ha riportato una “contusione alla spalla destra da percosse”, giudicata guaribile in 5 giorni, mentre uno dei militari ha subito lo “stiramento della spalla destra”, con stessa prognosi. Entrambi sono stati visitati e medicati presso il pronto soccorso dell’ospedale di Morbegno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136