Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Arrestato dalla polizia bracconiere valtellinese. In casa aveva un arsenale

martedì, 11 giugno 2013

Sondrio – Arrestato bracconiere per detenzione abusiva di armi. Deteneva illegalmente nella propria abitazione una “Carabina” cal. 5,6 x 52 con la matricola abrasa, due silenziatori utilizzabili sulla predetta arma mediante filettatura, sette munizioni cal. 5,6 x 52, un cannocchiale, una carcassa di cervo femmina già sezionato in 6 pezzi e quarantasei trofei di ungulati vari tra i quali alcuni di specie protetta e/o non cacciabile. Così,  un quarantaquattrenne di Chiesa in Valmalenco,  è stato tratto in arresto per il reato di detenzione di arma clandestina alterata, parte di armi da guerra e detenzione abusiva di munizioni. Nella medesima operazione, un trentaduenne, anch’esso di Chiesa in Valmalenco, è stato denunciato per il reato di furto e bracconaggio. Le armi detenute illegalmente sono state rinvenute e sequestrate nel corso di una perquisizione domiciliare effettuata, nella giornata di ieri, dagli agenti della Polizia di Stato del Settore Frontiera di Tirano e dagli agenti della Polizia Provinciale di Sondrio.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136