QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Arrestati dai carabinieri i rapinatori con lo spray al peperoncino. Fatale a due irregolari il colpo in piazza Dante a Trento

martedì, 29 settembre 2015

Trento – L’ultima rapina con lo spray al peperoncino è finita male e adesso due extracomunitari – irregolari in Italia – sono finiti in carcere. Avevano rapinato un cittadino in piazza Dante a Trento che aveva prelevato dal bancomat i soldi per pagare l’affitto, i carabinieri li hanno arrestati.

Le modalità della rapina avevano suscitato un giusto scalpore a Trento, perché era avvenuta in piazza Dante alle 10.30 del mattino e con l’uso di una bomboletta spray al peperoncino.
Un 53enne di Trento aveva prelevato dal bancomat i soldi per pagare l’affitto, si era seduto in una panchina a contare i soldi prima di fare il versamento, facendosi notare purtroppo da due malviventi.

Lo hanno avvicinato e gli hanno spruzzato in faccia il gas urticante e gli hanno portato via iRapinatori trento soldi, 350 euro.

Però le telecamere avevano fatto il loro lavoro, e i carabinieri hanno fatto il resto.
Uno dei due è stato riconosciuto subito perché soggetto all’obbligo di firma proprio presso i Carabinieri, l’altro è stato individuato perché indossava gli stessi vestiti di quando ha fatto la rapina:  si tratta di Zaruh Safedne (a sinistra nella foto), nato in Tunisia il 23 agosto 1991 (24 anni) e di Safidine Taonfike (a destra nella foto), nato in Marocco il 19 febbraio 1989 (26 anni).

Entrambi sono irregolari in Italia e non sono mai stati allontanati dal Paese. Adesso sono in carcere, uno a Trento e l’altro a Bolzano.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136