Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Arco: furto di cosmetici al Tigotà, denunciata 70enne rivana

mercoledì, 3 gennaio 2018

Arco di Trento – I carabinieri di Arco, dipendenti dalla Compagnia di Riva del Garda, durante mirati servizi atti a frenare i reati predatori ha denunciato una donna 70enne per furto aggravato di cosmetici recuperando la refurtiva.

carabinieri arco

I fatti risalgono alla mattinata del 30 dicembre scorso, quando una distinta signora e cliente abituale del negozio Tigotà di Arco di Trento ha comprato dei prodotti per un valore di 10 euro, pagandoli e lasciandoli in custodia alle commesse dicendo che sarebbe passata nel pomeriggio per ritirarli. Infatti, verso le 17 – ora di punta di affluenza nel negozio – la cliente ritornava dicendo che prima di ritirare la merce avrebbe fatto un altro giro nell’esercizio commerciale.

I movimenti della donna si rendevano sospetti poiché si guardava attorno più del dovuto, nello spazio dove sono custoditi i prodotti di nicchia del punto vendita, fatto che attirava l’attenzione di una delle commesse, già in allerta poiché erano presenti moltissimi clienti a quell’ora, che allertava i carabinieri che arrivavano nel mentre la signora pagava dei dischetti struccanti del valore di 1,50 euro. Nel frattempo la commessa verificava che nello scaffale delle creme per le persone più esigenti mancavano 3 prodotti, quindi faceva cenno alla collega alle casse che, mentre la donna usciva incontrando i carabinieri, faceva suonare l’antitaccheggio. La signora subito si è giustificata dicendo che aveva pagato la spesa al mattino e che c’era un errore.

I militari attesa l’alta densità di avventori, si appartavano con l’anziana che dopo una breve esitazione ha consegnato 3 creme del valore complessivo di 150 euro, private delle scatole e dell’anti taccheggio.

I carabinieri arcensi dopo aver accompagnato la donna presso i propri uffici e visionato le registrazioni delle telecamere della videosorveglianza contestavano il furto aggravato dei prodotti all’infedele cliente. Il procuratore speciale di zona dell’azienda sporgeva denuncia di furto, quindi la signora è stata denunciata in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rovereto per furto aggravato e l’intera refurtiva restituita alle commesse del negozio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136