QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Arco, furto di cosmetici al Tigotà: 45enne denunciata dai carabinieri

sabato, 2 dicembre 2017

Arco – La Stazione Carabinieri di Arco, dipendente dalla Compagnia di Riva del Garda, ha denunciato una donna 45enne per furto aggravato di cosmetici recuperando la refurtiva.

carabinieri largeNello specifico, una signora si è recata al negozio Tigotà di Arco via Santa Caterina 74 (gruppo Gottardo SpA). I movimenti sospetti della donna che si guardava attorno più del dovuto hanno attirato l’attenzione di una delle commesse del negozio che si è avvicinata alla stessa per chiedere se avesse bisogno di qualcosa notando che questa tratteneva nella mano un cellophane con attaccato un codice a barre.

Chiesto spiegazioni, la cliente ha risposto di non aver preso nulla avvicinandosi all’uscita del negozio, nel frattempo lo sguardo della commessa cadeva su uno scaffale di creme con delle scatole ammassate, scoprendo che dietro c’era un involucro “vuoto” di un profumo (essenza di e de parfum), quindi ha allertato la responsabile del negozio che provvedeva alla richiesta di intervento dei Carabinieri che sono giunti tempestivamente. I militari arcensi, dopo aver accompagnato la donna presso i propri uffici e visionato le registrazioni delle telecamere della videosorveglianza, hanno contestato il furto di almeno 2 prodotti, la cliente ha consegnato quattro cosmetici (uno smalto, una crema, un deodorante ed un profumo) per un valore di 60 euro, tutti già privati dei sistemi di antitaccheggio.

Il procuratore speciale di zona dell’azienda Gottardo SpA ha sporto denuncia di furto, quindi la signora è stata denunciata in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rovereto (Trento) per furto aggravato (art 625 comma 1 nr.2 – con violenza sulle cose) e la refurtiva restituita al negozio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136