Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Arco: 39enne denunciato dai carabinieri per furto al circolo Romarzollo

venerdì, 23 febbraio 2018

Arco – Furto al circolo Romarzollo di Arco di Trento, denunciato 39enne e refurtiva recuperata. La stazione carabinieri di Arco, dipendente dalla Compagnia di Riva del Garda, al termine delle indagini ha denunciato un arcense per furto aggravato, rinvenendo la refurtiva.

Carabinieri Arco Trento 1

I FATTI -  Il 4 novembre 2017 il Presidente del Circolo Romarzollo Nino Marchi ha sporto denuncia di furto presso la stazione carabinieri di Arco poiché ignoti nella notte dopo aver scassinato la porta laterale di ingresso del circolo di via Fossa si erano appropriati di un lettore DVD del valore di 150 euro, abbandonando sul posto gli arnesi da scasso (2 cacciaviti). L’immediato sopralluogo dei carabinieri arcensi che hanno operato minuziosamente utilizzando anche le polveri magnetiche per l’esaltazione delle impronte papillari latenti, ne evidenziavano una palmare di interesse sul vetro della porta. Quindi, sono state prese le impronte a tutto il personale di servizio del circolo (cd impronte per esclusione) e trasmesso i reperti ai carabinieri Investigazioni Scientifiche di Parma (RIS).

Lo scorso 8 febbraio,  i RIS di Parma da un controllo della banca dati AFIS di tutte le persone fotosegnalate hanno evidenziato la corresponsione delle impronte dermiche rinvenute sul luogo del reato con quelle di un arcense, già noto alle forze dell’ordine per i suoi trascorsi penali per reati contro il patrimonio. Si tratta di un 39enne,  G.N., residente ad Arco.

Immediatamente veniva richiesto un decreto di perquisizione domiciliare nei confronti dell’uomo e quindi il giorno 16, i militari arcensi si sono recati presso la sua abitazione con il provvedimento firmato dal sostituto procuratore della Repubblica di Rovereto, Giorgio Valerio Davico, rinvenendo nel soggiorno il DVD con telecomando, collegato alla televisione. I carabinieri chiedevano contezza del possesso del “device” ma l’uomo non sapeva fornire prove di acquisto ed i militari accertato il numero di matricola che corrispondeva a quello fornito dal presidente Nino Marchi provvedevano al sequestro del lettore.

L’arcense è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Rovereto (Trento) per furto aggravato ed il lettore DVD restituito al circolo con il plauso del Presidente per l’ottima riuscita e la tenacia investigativa.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136