QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Arabba, valanga finisce sulla regionale 48 e cinque vetture: tragedia sfiorata

domenica, 16 febbraio 2014

Arabba – Una valanga tra Livinallongo e Arabba  è finita su cinque auto che stavano transitando sulla strada regionale 48 e per poco non ha fatto una strage. Nella zona in giornata sono scese tre slavine: la seconda di queste, con un fronte di oltre 50 metri, ha travolto cinque autovetture con persone a bordo. I vigili del fuoco, già sul posto per la situazione creatasi in precedenza, hanno tratto in salvo le persone coinvolte, incolumi. La strada interessata è la regionale 48 delle Dolomiti, chiusa per il rischio valanghe. Il pericolo permane in tutto il Nord Italia, cVigili fuoco Arabbaomplici le alte temperature. Altra neve è attesa fino a metà settimana, poi la situazione dovrebbe migliorare e per il prossimo weekend il rischio potrebbe alzarsi al grado massimo.

Una decina di persone sono state estratte dagli abitacoli sotto la neve e sono incolumi le persone che si trovavano nelle autovetture  colpite da una valanga tra Livinallongo e Arabba, nel bellunese. Lo riferiscono i vigili del fuoco di Belluno, che si trovavano già sul posto per una precedente slavina.

Si sono intanto concluse positivamente le ricerche da parte delle squadre di soccorso sulla valanga scesa a valle attorno alle 13 a Piancavallo. Le verifiche effettuate, con strumentazioni scientifiche e unità cinofile del Soccorso Alpino di Pordenone e Maniago, hanno escluso la presenza di dispersi. La valanga si era staccata attorno a quota 1.700, precipitando fino a interessare parzialmente la pista ‘Salomon’.

Nelle zone a maggior rischio sono presenti anche i tecnici dell’associazione interregionale neve e valanghe, e di Protezione civile, Polizia provinciale e Corpo forestale dello Stato. Il pericolo valanghe viene segnalato a livello 3 (“marcato”) su tutti settori, in aumento da domani.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136