Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Aprica, addio all’orso Orfeo. Da 10 anni attrattiva dei turisti

venerdì, 27 ottobre 2017

Aprica – Dalla località delle Orobie Valtellinesi arriva una triste notizie: è morto Orfeo, l’orso dell’Osservatorio Eco-Faunistico Alpino di Aprica nel Parco delle Orobie Valtellinesi. Aveva 28 anni. La notizia è stata diffusa dallo stesso Osservatorio Eco-faunistico.Orso Orfeo

Orfeo era arrivato all’Aprica dal Trentino, dieci anni fa, nato in cattività, poi per diversi anni in un recinto faunistico presso il Santuario di San Romedio assieme ad un’orsa femmina, sua sorella, fino a quando erano stati entrambi trasferiti all’Osservatorio orobico. L’area dove vivevano era stata considerata troppo piccola e non idonea a garantire il loro benessere. L’autopsia, obbligatoria per animali come l’orso, è stata effettuata presso l’Istituto Zooprofilattico della Provincia di Sondrio e presto saranno resi noti gli esiti degli esami ma oltre all’età avanzata, la causa della morte è attribuibile a problematiche legate al cuore, forse genetiche, che hanno causato anche il mal funzionamento di altri organi quali il fegato e i reni. All’Aprica hanno così potuto trascorrere gli ultimi anni della loro vita (la femmina è deceduta alcuni anni fa di pleurite non risvegliandosi dal letargo) in un’area molto più grande dotata tra l’altro di un ampio laghetto dove spesso facevano il bagno.

Da alcune settimane, da quando si è capito che Orfeo non riusciva ad aumentare di peso in preparazione dell’inverno alle porte,  Bernardo Pedroni, direttore dell’Osservatorio, che da anni, ogni giorno, lo accudiva, lo ha curato, sotto le direttive di alcuni veterinari specializzati, con l’antibiotico per ridurre eventuali infezioni. Dopo una decina di giorni, durante i quali Orfeo è rimasto sdraiato in una delle sue grotte lasciandosi dare da bere, imboccare e perfino accarezzare, l’effetto dell’antibiotico sembrava aver dato i suoi benefici e una mattina si era anche alzato nuovamente uscendo anche all’aperto ma, dopo aver bevuto abbondantemente al ruscello, si è sdraiato vicino al laghetto dove è stato trovato morto la notte di Santa Orsola. Ora all’Aprica si pensa già a sostituire Orfeo con un altro orso, ovviamente nato in cattività. Sono tuttavia necessari alcuni lavori di protezione di alberi di alto fusto e di manutenzione dell’area faunistica per evitare che il nuovo arrivato, sicuramente giovane, li graffi profondamente, rovinandoli irrimediabilmente. È prevista inoltre la realizzazione di alcune nuove terrazze per i visitatori, utili per l’osservazione dell’orso in tutti gli orari del giorno e non solo durante la visita guidata al mattino.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136