QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Apre profilo su facebook mentre è ai domiciliari: arrestato dai carabinieri di Cles

venerdì, 27 febbraio 2015

Cles – Coinvolto nell’operazione Illirya, rilevante indagine condotta dalla Compagnia di Cles nell’anno 2011, che disarticolò un eterogeneo sodalizio delinquenziale dedito allo smercio di droghe nelle Valli del Noce, R.I., slavo di 41 anni, stava scontando presso la propria residenza di Cles, beneficiando della meno afflittiva misura della detenzione domiciliare, la condanna a quattro anni di reclusione comminatagli dal Tribunale di Trento.

Il suo comportamento è da sempre apparso assolutamente impeccabile agli uomini della Compagnia di Cles: mai infatti l’uomo era venuto meno alle diverse prescrizioni impostegli dal magistrato. Almeno fino a qualche giorno fa, quando ad un appuntato in servizio presso quel Comando non è sfuggito uno di quei consueti suggerimenti di amicizia originati da facebook, quella sorta di presentazione dell’amico di un amico ovvero di, così sono indicate dal social network, ‘persone che potresti conoscere’.CARABINIERI LARGE

La faccia del tipo era proprio quella del detenuto domiciliare R.I., il quale non avrebbe potuto, stando alle prescrizioni del Giudice, intrattenere rapporti, anche telematici, con persone diverse dai suoi stretti congiunti.

Ai militari è bastato visionare la pagina facebook che lo straniero aveva aperto con uno pseudonimo per capire che i legami di “amicizia” instaurati nel tempo dal medesimo erano numerosi e che egli regolarmente si intratteneva in conversazioni con dette persone (talune note per i loro precedenti penali), per di più pubblicando imprudentemente foto che lo ritraevano in maniera assolutamente inequivocabile.

Quanto accertato è stato partecipato al Tribunale di Sorveglianza di Trento che, preso atto dell’evidente quanto sistematica violazione ad uno dei divieti imposti, ha disposto, con ordinanza, la carcerazione del reo. L’uomo è stato così arrestato e tradotto presso il carcere trentino.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136