QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Alto Sebino, mattinata di sorpassi sulla Sp510: i carabinieri ritirano 14 patenti in due ore

domenica, 19 febbraio 2017

Marone – Nella mattinata odierna, accogliendo le segnalazioni pervenute da parte di molti privati cittadini dell’Alto Sebino, è stato programmato dai carabinieri uno specifico servizio di contrasto alle infrazioni del Codice della Strada per prevenire gli incidenti, purtroppo anche mortali, che troppo spesso hanno interessato il tratto extraurbano di Strada Provinciale 510 compresa tra i comuni di Marone e Sulzano, causati principalmente dall’imprudenza degli automobilisti nei sorpassi in galleria e dall’altissima velocità delle autovetture in transito.carabinieri strade controlli

Il servizio, condotto dai militari della Stazione dei Carabinieri di Marone con due macchine di servizio, ha portato al ritiro in sole due ore di 14 patenti di guida per divieto di sorpasso, per un ammontare di quasi 3 mila euro di multe. Il servizio verrà ripetuto anche nei prossimi giorni.

controlli carabinieri strad

PALAZZOLO: ARRESTO DI UN TUNISINO PER SPACCIO

Ieri sera i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Chiari, nel corso di un mirato servizio finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto un ragazzo tunisino 30enne, irregolare sul territorio nazionale, celibe, disoccupato, già pregiudicato per reati specifici.

Gli operanti nel corso del pomeriggio, a seguito di diverse segnalazioni degli abitanti di Palazzolo sull’Oglio, hanno predisposto uno specifico servizio di appiattamento in via Cave, dove alle ore 21 hanno notato sopraggiungere a piedi il prevenuto ed incontrarsi con altri due soggetti per cedere loro della sostanza stupefacente.

Gli operanti prontamente sono intervenuti bloccando lo scambio ed arrestando il tunisino che, una volta perquisito, veniva trovato in possesso complessivamente di 13 grammi di eroina e due e mezzo di cocaina, già divisa e confezionata in involucri per essere venduta, nonché due telefoni cellulari ed oltre 200 euro in banconote provento di precedente attività di spaccio.

L’arrestato è stato trasportato al Tribunale di Brescia per essere sottoposto a giudizio direttissimo in mattinata odierna, a seguito del quale, dopo la convalida dell’arresto, sono stati disposti i termini a difesa per il tunisino che è stato pertanto liberato con l’obbligo di dimora fuori dai comuni di Coccaglio e Palazzolo.

I due acquirenti, un 48enne ed un 34enne, entrambi italiani e residenti in Franciacorta, sono stati segnalati alla competente Prefettura quali assuntori di stupefacenti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136