Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Aggressione a controllori autobus nel Bresciano, Rolfi (Lega Nord): “Per agire si attende il morto?”

mercoledì, 25 febbraio 2015

Brescia – In merito all’ennesima aggressione ai danni di controllori avvenuta sugli autobus bresciani è intervenuto il vice capogruppo della Lega Nord al Pirellone, Fabio Rolfi.Pontedilegno ski bus

“Viene da chiedersi – afferma Fabio Rolfi – se esista ancora in Prefettura un comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza. Se la risposta fosse affermativa stupisce l’inerzia, in particolare a fronte della grande reattività dimostrata nell’imporre ai sindaci i clandestini negli alberghi, purtroppo parallela all’inefficacia nel garantire ad onesti lavoratori la dovuta incolumità. Per affrontare questa emergenza di ordine pubblico, ma anche educativa, servono misure concrete, fra cui guardie giurate sui mezzi, che andrebbero imposte a tutte le società di gestione del trasporto, oltre che, almeno per un determinato periodo, forze dell’ordine sugli autobus. Ritengo impossibile che con le centinaia di agenti stanziati sul nostro territorio non si riesca, a turno, a porre in essere questo servizio, ben sapendo ormai quali sono le tratte più difficili. C’è da domandarsi – chiosa Fabio Rolfi – se forse, per agire, non si attenda il morto.”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136