QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Aggredisce poliziotti nel Bresciano, colombiano ai domiciliari e non in carcere. Beccalossi: “In Italia manca certezza della pena”

lunedì, 22 agosto 2016

Brescia – “Finche’ non ci sara’ certezza della pena gli sforzi di Polizia e Carabinieri saranno sempre vani. Trovo inaccettabile quanto previsto dalla Legge, ovvero che un pluripregiudicato che ieri ha picchiato tre agenti di polizia intervenuti per fermare una rissa se la possa cavare con i domiciliari”.beccalossi bordonali

Lo dice l’assessore regionale al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta’ Metropolitana Viviana Beccalossi, commentando la sentenza emessa oggi dal Tribunale di Brescia nei confronti di un 34enne colombiano definito “socialmente pericoloso” per il quale, visti i precedenti, il Pm aveva chiesto il carcere.

“Oggi abbiamo scoperto – conclude Viviana Beccalossi – che dopo aver aggredito dei poliziotti, per evitare guai, basta ‘chiedere scusa’ e sostenere di avere bevuto troppo. Mi chiedo con che stato d’animo gli uomini e le donne delle Forze dell’ordine, a cui va come sempre la mia solidarieta’, possano svolgere il proprio lavoro contro queste forme di delinquenza sapendo che nella maggior parte dei casi il colpevole evita il carcere”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136