QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

16enne tenta di rapinare una banca a Castel Condino, i carabinieri lo arrestano. VIDEO

venerdì, 1 aprile 2016

Castel Condino – I Carabinieri di Borgo Chiese, con il concorso di quelli di Storo e Pieve di Bono, tutti dipendenti dalla Compagnia Carabinieri di Riva del Garda, nella mattinata di oggi hanno effettuato un arresto in flagranza di reato di tentata rapina.CARABINIERI LARGE

Erano le 10:10 quando alla sportello della Cassa Rurale Adamello-Brenta di Castel Condino si è presentato un soggetto con passamontagna, completamente vestito di nero ed un coltello in mano. Si è diretto subito verso l’ingresso infilando il coltello, uno di quelli da cucina con lama di 20 cm, tra i due battenti, cercando di forzare la porta e poi tentando con alcuni colpi contro i vetri.  L’ostacolo però lo ha fatto desistere, anche perché una cliente, nel frattempo accortasi di quanto stava accadendo, si è messa ad urlare.  A quel punto l’uomo le ha puntato il coltello per guadagnarsi la fuga.

La presenza di molte persone, anche del vicino ambulatorio medico e della sede comunale, hanno consentito, appena scattato l’allarme, di raccogliere elementi utili per l’individuazione del soggetto, ma anche le riprese della videosorveglianza interna hanno fornito elementi.

I blocchi stradali nel frattempo predisposti dai Carabinieri hanno consentito, nel giro di poche decine di minuti, di bloccare un giovane sulla strada statale che porta a Cimego.  Da subito è stato riconosciuto lo zaino che il giovane portava addosso, assolutamente identico a quello dei filmati.  Solo l’abbigliamento non era uguale.

Si è così proceduto ad accompagnare il ragazzo a casa ove sono stati trovati gli abiti usati per la tentata rapina. Il giovane, B.L., che tra pochi giorni compirà 17 anni, studente, con già qualche precedenti, è stato dichiarato in arresto per tentata rapina.

Il Magistrato di turno del Tribunale per i Minorenni ne ha disposto l’accompagnamento presso il Centro di Prima Accoglienza di Treviso, ove rimarrà sino a nuove disposizioni del PM. Per l’impiegata e la cliente solo un forte spavento, ma nulla di più.

VIDEO


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136