QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Valvestino, si discute ordine del giorno del deputato Ottobre

giovedì, 9 novembre 2017

Valvestino – Sarà discusso martedì prossimo alla Camera l’ordine del giorno – 4653 – presentato dall’onorevole Mauro Ottobre (nella foto) sulla questione Valvestino e Magasa, in cui si chiede l’annessione dei due Comuni del Bresciano al Trentino, come lo erano oltre un secolo fa e come da esito del referendum popolare del 2008.

Onorevole Ottobre

Ecco il testo dell’ordine del giorno firmato dall’onorevole Mauro Ottobre:

“La Camera, premesso che:
il 21 e 22 settembre 2008 si è svolto il referendum popolare con il quale i cittadini di Valvestino e di Magasa, in provincia di Brescia, hanno espresso la volontà di essere riaggregati alla regione Trentino-Alto Adige/Südtirol, nell’ambito della provincia autonoma di Trento, secondo la previsione dell’articolo 132, secondo comma, della Costituzione;
l’esito positivo del referendum è stato proclamato rispettivamente il 2 febbraio 2008 e il 23 febbraio 2008 dall’ufficio centrale per il referendum presso la Corte di cassazione e da quel momento sono decorsi i sessanta giorni – oggi ampiamente scaduti – entro i quali il Ministro dell’interno avrebbe dovuto presentare il disegno di legge costituzionale al Parlamento, ai sensi dell’articolo 45, quarto comma, della legge 25 maggio 1970, n. 352;
nei giorni del 9 e 10 marzo 2008, si è svolto anche il referendum popolare con il quale il 76 per cento dei cittadini di Pedemonte, in provincia di Vicenza, ha espresso la volontà di ritornare alla provincia autonoma di Trento, secondo la previsione dell’articolo 132, secondo comma, della Costituzione.
L’esito positivo anche di questo referendum, proclamato dall’Ufficio centrale per il referendum presso la Corte di Cassazione, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 74 del 28 marzo 2008 e da quel momento sono decorsi i sessanta giorni – oggi ampiamente scaduti – entro i quali il Ministro dell’Interno avrebbe dovuto presentare il disegno di legge costituzionale al Parlamento, ai sensi dell’articolo 45, quarto comma, della legge 25 maggio 1970, n. 352;
non da ultimo, il 22 novembre 2012 la regione Trentino-Alto Adige/Südtirol ha trasmesso al Parlamento il voto favorevole alla mozione per l’annessione del comune di Pedemonte;
Il sottoscritto, in data 7 maggio 2013, ha presentato due proposte di legge costituzionali, l’ A.C. 890 e 891, che sono state assegnate alla I Commissione Affari Costituzionali in sede Referente il 9 agosto 2013, ma che non hanno mai visto la loro discussione;
la proposta di legge ordinaria che stiamo discutendo per il Comune di Sappada, come affermato dal suo presentatore può avvalersi della natura ordinaria in quanto si fonda nella Costituzione e precisamente nel secondo comma dell’articolo 132. Infatti tale articolo non pone una riserva di legge costituzionale dato che afferma che “Si può, con l’approvazione della maggioranza delle popolazioni della provincia o delle province interessate e del comune o dei comuni interessati espressa mediante referendum e con legge della Repubblica, …” e non legge costituzionale, e a chiarirne ulteriormente la natura è l’articolo 46, terzo comma, della citata legge n. 352 del 1970, in cui, definendo le caratteristiche dell’atto normativo con cui si dispone l’aggregazione del comune ad altra regione, si stabilisce che tale atto debba essere una legge ordinaria;

Valvestino frazione Moerna impegna il Governo
a predisporre il prima possibile atti normativi volti a soddisfare quanto richiesto dai Comuni di cui sopra, in ottemperanza all’articolo 45, quarto comma, della legge 25 gennaio 1970, n. 352, ma soprattutto nel rispetto dell’espressione di voto referendaria avvenuta”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136