Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies. Ti invitiamo a leggere la nostra PRIVACY POLICY.
X
Ad

Ad
Ad
Ad


Valle Chiese, il gruppo Agire contrario all’accorpamento degli ambulatori

venerdì, 18 maggio 2018

Valle Chiese – Sull’accorpamento degli ambulatori della Valle del Chiese, attacco di Castellini (gruppo Agire): “No al progetto di Zeni”. Da tempo si discute sull’accorpamento degli ambulatori nella Val del Chiese, ma il progetto risultava talmente folle che nessuno aveva mai dato adito a questo progetto. Secondo il gruppo “Agire” l’assessore Luca Zeni è arrivato anche a questo.Valle Chiese - ambulatori

Ecco il documento di Grazia Castellini (Coordinatrice territoriale di Agire per il Trentino-Valli Giudicarie):

“I vertici della sanità Trentina hanno deciso di centralizzare tutti gli ambulatori presso la “Casa della salute” di Storo. Tutto questo, come di loro prassi, nel più assoluto silenzio senza coinvolgere i diretti interessati cioè i medici, che hanno saputo da poco questa novità; ricordiamo che ognuno di loro paga un regolare affitto all’azienda sanitaria per ogni ambulatorio occupato, ma nonostante questo non sono assolutamente d’accordo su questa linea anche perché si creerebbe una totale confusione nel seguire le patologie dei pazienti e probabilmente in questa centralizzazione si troverebbero a dover accogliere anche persone che non sono nelle loro liste con la conseguenza di non poterle seguire adeguatamente per mancanza di dati precisi.

Pier Luigi Gardin, direttore del distretto sanitario Centro Sud dapprima dubbioso su questa decisione, ha improvvisamente cambiato idea appoggiandola in pieno (non sarà attirato anche lui dai ricchi premi produzione di fine anno?). Stessa storia anche per i sindacalisti che seguono la vicenda, all’inizio contrari, ora piegati al volere derivante dall’alto.

I medici hanno chiesto un incontro con il dirigente che si terrà presumibilmente a fine maggio e con i sindaci interessati per ribadire il loro dissenso. Anche Agire per il Trentino si opporrà drasticamente a questa decisione che ritiene dannosa nei confronti di persone, spesso anziane, che non hanno la possibilità di muoversi in autonomia. Confidiamo nel fatto che il prossimo taglio sia inerente alle poltrone di Zeni & C. vista la distruzione che si sta perpetuando nei confronti delle nostre esigenze sanitarie. Sarebbe infine interessante sapere cosa ne pensa il sindaco di Storo Luca Turinelli riguardo a tutto ciò”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136